Circolo della Scranna foto di Renzo Zilio

Domenica 17 febbraio, alle ore 17,30, nella Sala Sangiorgi, in corso Garibaldi 98 a Forlì, i pianisti Denis Zardi e Pierluigi Di Tella, nell’ambito del Festival “Magicamente Mozart”, eseguiranno le suonate integrali a quattro mani composte da Wolfgang Amadeus Mozart. Ingresso libero.

Domenica 17 febbraio, alle ore 18,30, al Circolo della Scranna, in corso Garibaldi 80 a Forlì, si terrà un concerto del duo Sandro Comini, trombone, e Teo Ciavarella, pianoforte. Verranno eseguite musiche italiane, francesi, inglesi e americane con un tocco di jazz. L’iniziativa è promossa dall’Associazione Armònia, direzione artistica Filomena De Pasquale. Ingresso libero.

Continuano le esposizioni nel negozio di articoli per belle arti di corso Diaz 57 a Forlì. Da sabato 16 febbraio a venerdì 1 marzo, potranno essere ammirate nei locali della Mesticheria Casadei le opere di Milva Fantini. Le opere sono visibili 24 ore su 24 nella vetrina sul corso. In allegato materiale informativo sull’artista.
Milva Fantini, anno di nascita 1963, originaria di Castiglione di Ravenna, da qualche anno abita a Campiano. Diplomata con successo all’istituto statale d’arte di Forlì, dipinge da sempre. Fin da quando era piccola ha mostrato una certa dimestichezza con i colori, le tavolozze, le tele. Amante della natura, dei fiori, degli animali, Milva sa restare coi piedi per terra. Rispecchiando appieno la sua concretezza di donna, lascia aperta la finestra al suo estro. Con occhio vivido interpreta i suoi sogni mescolando cromatismi delicati esprime la fantasia e la ricchezza dell’universo femminile pieno di variegate sfumature. Le opere pittoriche di Milva Fantini, in prevalenza ad olio su tela, sono luce intima sulle ‘emozioni’. Milva non ama incorniciare i suoi quadri per non limitare il flusso del dipinto, un fluire continuo di pensiero privato s’apre e abbraccia. Solitaria e accogliente Milva artista concede di svelarsi a chi la osserva con meticolosa attenzione. L’arte di Milva vola anche con stoffe, bottoni, spille, lane, zucchero, farina, materiali di recupero divengono piccoli capolavori di sartoria, decoupage, di cucina. D’animo nobile Milva Fantini sa vivere anche la difficile realtà col sorriso. Le emozioni, lei, sono il vero motore della vita. Sono il respiro, soffio dell’anima che pulsa.