Proseguono le iniziative organizzate da Comune di Forlì, Liceo Scientifico Statale “Fulcieri Paulucci di Calboli” e Associazione Nazionale Mutilati Invalidi di guerra (ANMIG), Sezione Provinciale di Forlì in memoria di Fulcieri Paulucci di Calboli in occasione del centesimo anniversario della morte avvenuta il 28 febbraio 1919.
Martedì 26 febbraio, alle ore 15,30, in Municipio, il Consiglio Comunale di Forlì inizierà la seduta in forma solenne per ricordare il grande forlivese alla presenza dei familiari. Aprirà la seduta Paolo Ragazzini presidente del Consiglio Comunale; interverranno Davide Drei sindaco di Forlì Susi Olivetti, dirigente scolastico del Liceo Scientifico di Forlì e lo storico Giovanni Tassani. Saranno, inoltre presenti i dirigenti dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di guerra e rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma di Forlì.

In occasione del centenario della morte di Fulcieri Paulucci di Calboli, per onorare quella che fu la figura ispiratrice dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra, la Sezione di Forlì che porta il suo nome, ha promosso alcune borse di studio fruibili da scolaresche che intendono approfondire la conoscenza della storia del Novecento.

Giovedì 28 febbraio, su iniziativa delle Associazioni combattentistiche e d’arma, alle ore 11,00 nella chiesa del Panteon nel Cimitero Monumentale di Forlì, in via Ravegnana, verrà celebrata la Santa messa in ricordo di Fulcieri e dei caduti di tutte le guerre; celebrerà Mons. Livio Corazza, Vescovo di Forlì. Ogni anno, il 28 febbraio, giorno della morte di Fulcieri, l’Associazione Nazionale Mutilati Invalidi di guerra e le associazioni combattentistiche e d’arma ricordano, anche i soci defunti. La monumentale tomba di famiglia, opera dello scenografo Virgilio Marchi, ospita oggi, con Fulcieri, sua madre Virginia-Baby San, e quattro ambasciatori: Raniero, Giacomo, Rinieri e Gian Luigi Milesi Ferretti.

Nella serata, sempre giovedì 28 febbraio, alle ore 21,00, al Teatro Testori in via Vespucci 11 a Forlì, si svolgerà uno spettacolo a cura del laboratorio teatrale del Liceo Fulcieri Paulucci di Calboli dal titolo “Mille papaveri rossi: in ricordo di Fulcieri”; regia di Raffaella Sintoni e Donatella Missirini. Ingresso libero. Lo spettacolo intreccia momenti chiave della Grande Guerra con episodi della breve esistenza di Fulcieri, tratti da lettere e testimonianze. Insieme a Fulcieri prendono vita persone a lui vicine: la fidanzata Alessandra, il padre Raniero, la sorella Camilla, la poetessa Alda Negri, amica di famiglia, insieme a coloro che hanno combattuto al fronte o a casa, aspettando i propri cari.
Lo spettacolo è frutto di una ricerca storica e musicale che ha impegnato i partecipanti del laboratorio, non solo quelli dell’anno scolastico 2018/2019 ma anche ex studenti, ora universitari che collaborano alla messa in scena finale. La simbologia del papavero, nei paesi anglo-sassoni collegata ai morti della Grande Guerra, si è poi estesa a tutti i caduti in guerra.

Inoltre fino a domenica 3 marzo sarà allestita alla “Casa del Mutilato” e sede di ANMIG, in via Piero Maroncelli, la mostra documentaria “Forlì e la Grande Guerra” e porterà visitabile il Museo storico “Dante Foschi”, sono conservati molti cimeli della grande guerra tra i quali diversi appartenuti a Fulcieri. Ingresso gratuito. Per scolaresche e gruppi, visite su prenotazioni con orari da concordare (0543.20150 e 3396699155). Apertura al pubblico: sabato 23 febbraio e 2 marzo dalle ore 15,30 alle ore 17,30; domenica 24 febbraio e 3 marzo, dalle ore 10,00 alle ore 12,00.