carnevale in piazza FestainPiazza

Vorrei precisare che la scelta di partecipare al Carnevale in Piazza è di un’associazione culturale di San Martino in Strada e non del Comitato di Quartiere”. A dirlo, riferendosi all’annuale rappresentazione carnevalesca promossa dall’Amministrazione del Comune di Forlì, è Giorgia Bedei, coordinatrice del comitato di Quartiere di San Martino in Strada, che commenta così le dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi dall’assessore Mosconi.

Bisogna fare un distinguo e dire le cose come stanno. Mosconi sa benissimo che le varie associazioni presenti in un quartiere, qualsiasi esso sia, perseguono ognuna i propri obiettivi e tutte operano in piena autonomia. I quartieri, e i comitati che li rappresentano, sono altra cosa. Sono la cornice istituzionale al cui interno gravitano associazioni e volontari che dedicano tempo e risorse al bene cittadino. Ed è proprio in virtù del ruolo e dell’importanza che i comitati rivestono che l’Amministrazione comunale e Mosconi in prima persona avrebbero dovuto attivarsi per valorizzarne le competenze, l’impegno e coinvolgere i rappresentanti. Peccato che non sia così – chiosa la Bedei – né è la dimostrazione il fatto che la zona Ovest abbia dichiarato che diserterà lo storico appuntamento del Carnevale in Piazza dando prova, per l’ennesima volta, dello scarsissimo interesse riservato ai Comitati di Quartiere in questi anni dalla Giunta Drei”.

Per concludere, la Bedei affronta le problematiche connesse al rispetto delle normative vigenti e pur sottolineando “che vanno rispettate”, lancia una stoccata all’assessore Mosconi che “non si può certo dire essersi speso, con i fatti, per i Quartieri del nostro Comune. Anche quest’anno il Carnevale avrebbe potuto rivelarsi un’occasione di riscatto per Mosconi e il suo operato. Peccato che non l’abbia colta.”