banchetto Lega Nord

Cento postazioni della Lega in Romagna. Sono gazebi e banchetti organizzati in tutta la Romagna per questo week end per sostenere il ministro dell’Interno e leader della Lega, Matteo Salvini, nella “messa in pratica delle politiche governative di cambiamento del Paese”.
A darne notizia il segretario della Lega Romagna Jacopo Morrone, che punta a una presenza leghista sempre più capillare in territorio romagnolo. “Nonostante la crescita continua di numeri, rimaniamo una famiglia compatta, una squadra coesa. Questa è la nostra forza. Ovvio, c’è chi decide, ma ci conosciamo tutti e lavoriamo insieme anche per portare a termine le mansioni più pratiche. Insomma, non c’è nessuno che può ritenersene esentato grazie all’incarico che ricopre. In questo week end andiamo nelle piazze per raccontare alla gente i grandi risultati raggiunti dal nostro leader, Matteo Salvini, in particolare con le politiche di svolta in materia di sicurezza e di immigrazione e chiediamo a tutti di sostenerlo in quest’azione riformatrice. Dall’altra parte, mettiamo a nudo le contraddizioni e la strumentalità del Partito democratico a tutti i livelli. La Giunta regionale, guidata da Stefano Bonaccini, vuole presentare ricorso davanti alla Corte costituzionale contro il ‘decreto sicurezza’, il primo tassello di una più ampia riforma in questa materia. Un ricorso palesemente dettato da motivazioni politiche e ideologiche e non certo di merito. Chiederemo ai nostri concittadini di firmare per chiedere il ritiro del ricorso che va contro l’interesse della collettività e i cui costi saranno sostenuti con risorse pubbliche. E’ sempre più evidente, comunque, l’assenza di proposte politiche concrete del Pd in materie importanti per la nostra comunità, come la sicurezza o l’immigrazione”.

Oggi a partire dalle ore 16,00 fino 18,30 Fratelli d’Italia sarà in piazza Saffi (angolo corso Garibaldi) per raccogliere le firme per l’abolizione della fatturazione elettronica per i pagamenti inferiori a 10.000 euro. “Abbiamo voluto attivarci anche sul nostro territorio a sostegno delle piccole imprese e dei privati titolari di partita IVA, perché l’introduzione della fatturazione elettronica ha complicato notevolmente il lavoro ai tanti imprenditori e professionisti già massacrati dalle tasse e dalla burocrazia. La fatturazione elettronica è un provvedimento che colpisce direttamente l’apparato economico imprenditoriale del nostro territorio e per questo domani manifesteremo il nostro dissenso“.