calcio-protti

Forlì – Vastese: 1-1

Forlì: Aglietti, Brunetti, Graziani (86’ Del Sante), Cascione (62’ Baldinini), Ambrosini, Mazzotti, Croci, Vesi, Cenci (88′ Putrino), D’Angeli (49’ Gimelli), Possenti. A disp.: Mordenti, Di Benedetto, Prati, Bungaja, Ferrario. All.: Protti.
Vastese: Patania, Patania, De Meio, Di Giacomo, Capellupo, Sbardella, Del Duca, Fiore (86’ Russo), Stivaletta, Shiba, Palestini, Kone (81′ Ferrara). A disp.: Selva, Iarocci, Mataloni, Conti, Palumbo, Cicerello, Leonetti. All.: Montani.
Note – Ammoniti: Del Duca, Cascione, De Meio, Shiba.
Reti: Fiore al 42’, Graziani al 45’.

Il Forlì ottiene un solo punto dalla partita casalinga contro la Vastese valida come 25° giornata di serie D. Sono passati inizialmente in vantaggio gli ospiti con la rete in contropiede di Fiore, in presunta posizione di fuorigioco, ma i biancorossi sono riusciti a pareggiare immediatamente con il colpo di testa del capitano Ivan Graziani (4° rete stagionale). I romagnoli hanno giocato un primo tempo sottotono, mentre nella seconda frazione sono riusciti ad essere più propositivi ma senza trovare la finalizzazione.

La cronaca. La partita inizia con ritmi serrati, e le due squadre non si risparmiano dal punto di vista fisico. Dopo soli 3′ Sbardella sgomita Vesi in pieno volto durante un contrasto aereo, ma l’arbitro non prende provvedimenti. La Vastese inizia meglio il match e al 5’ minuto Stivaletta si rende pericoloso con un tiro da fuori che termina di poco a lato. Ancora la Vastese, al 15’, prova a fare male con la girata pericolosa in area di Shiba, che termina di poco a lato alla destra di Aglietti. Il Forlì prova a reagire dopo due minuti con un cross dalla sinistra pericoloso di Ambrosini, su cui D’Angeli non arriva per un soffio e la difesa spazza via. Al 34’ prima occasione per i casalinghi: cross di Croci dalla destra, sponda perfetta di Graziani a rimorchio per Cenci, il quale prova il tiro ma viene anticipato all’ultimo in corner e la palla termina di poco lato del palo. Al 42’ gli ospiti passano in vantaggio: corner per i biancorossi, la palla giunge a Mazzotti al limite il quale scivola e perde palla. Kone parte veloce in contropiede e percorre tutto il campo con la difesa del Forlì colta di sorpresa, l’esterno ospite serve in area Fiore in presunta posizione irregolare il quale trafigge Aglietti. Il Forlì reagisce immediatamente, e al 44’ prova il cross Ambrosini dalla sinistra, Cascione fa la sponda di testa e Cenci impatta la palla con la spalla, ma il suo tiro è centrale e Patania blocca. L’azione seguente è quella del pari biancorosso: Ambrosini dalla sinistra pennella per Graziani, bravo ad anticipare il marcatore e di testa con potenza batte Patania. Risultato di nuovo in parità e fine primo tempo.

Nella seconda frazione la partita si fa più fisica e meno ordinata, ma il Forlì col passare dei minuti fa valere la propria superiorità territoriale. Al 60’ Ambrosini prova il gol da centrocampo: bel tiro ben indirizzato, ma Patania blocca. I romagnoli giocano un secondo tempo nettamente migliore del primo costruendo un buon possesso palla, schiacciando gli avversari nella propria metà campo. Al 79’ Vesi stacca bene di testa sul corner battuto da Mazzotti, ma Patania si salva in tuffo sulla sua sinistra. All’ 88’ Putrino dalla destra serve bene al centro l’accorrente Del Sante, che in spaccata di poco manca l’appuntamento col pallone. Al 90’ c’è tempo per un’altra occasione biancorossa, con Brunetti che di testa manda alto dopo un calcio d’angolo. Sarà l’ultima occasione della gara, giocata molto bene dai galletti nel secondo tempo, ma che non sono riusciti a trovare l’appuntamento con un gol che avrebbe significato una meritata vittoria.

La disamina di Protti in conferenza stampa al termine della gara. “Abbiamo fatto un secondo tempo degno di nota, giocando con grande veemenza agonistica. Purtroppo è la seconda partita dove avremmo potuto ottenere 6 punti ma ne abbiamo raccolti solo 2, e questo ci rammarica, ma la rabbia mia e dei ragazzi sarà uno stimolo a fare sempre meglio. Nella seconda frazione abbiamo cambiato qualcosa nel modulo e siamo migliorati. I nostri avversari non hanno tirato in porta, mentre noi abbiamo avuto molte occasioni per segnare, tra le quali quelle di Del Sante e Vesi. Aglietti non ha compiuto una parata, ma la minima occasione che subiamo viene trasformata in gol subito: su questo dobbiamo migliorare. Con il 4-3-3 Graziani e Del Sante non possono coesistere, mentre col cambio di modulo attuato nel secondo tempo possono condividere il reparto. Sono convinto che i risultati arriveranno a breve e che il Forlì alla fine si salverà”.
Dividendosi la posta in palio il Forlì sale a 25 punti in 15° posizione, mentre la Vastese va a 28.