Film-Van-Gogh

Titolo: Van Gogh: sulla soglia dell’eternità. Cast: Willem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Mathieu Amalric, Emmanuelle Seigner. Regista: Julian Schnabel. Genere: Autobiografico/drammatico. Usa 2018.

Trama – Siamo a fine novecento e il film racconta gli ultimi anni burrascosi di vita, tra Olanda e Francia, di Vincent Van Gogh. Dopo aver provato a fare il pastore professante come il padre, capisce che non è quella la sua strada e che per arrivare al cuore delle persone deve usare la pittura. In una taverna di Parigi conosce Paul Gauguin e tra i due nasce una tormentata amicizia. Quando Paul abbandona la Francia, Vincent in un disperato gesto d’amore per trattenerlo, si taglia un orecchio e da lì iniziano i primi sintomi della malattia mentale che peggiorerà sempre più. Figura importante del film è inoltre il fratello Theo, che ha con lui un atteggiamento quasi materno e di protezione nei momenti difficili. I sintomi peggiorano sempre più e sente e vede cose e voci che gli altri non vedono e non sentono. Le persone intorno a lui cominciano a pensare che sia pazzo e viene ricoverato in un manicomio, dove chiede come unica condizione di poter dipingere. Parlando con un medico capisce che il vero tesoro che lui ha per arrivare al cuore della gente sono i suoi quadri, che resteranno anche dopo la fine della sua vita. Fa della natura la sua musa ispiratrice prediletta, e passerà alla storia per i suoi colori accesi, come il giallo dei girasoli. Incompreso dai suoi contemporanei e dallo stesso Gauguin, un pomeriggio mentre è a casa del medico che lo aveva in cura, dipinge un gruppo di ragazzi che, giocando con una pistola, lo feriscono accidentalmente all’addome. Ricoverato in ospedale, vi muore poco dopo a soli 35 anni. Rivolgendosi a Dio nel finale, il regista lascia la libertà allo spettatore di pensare se l’hanno ucciso o si è suicidato.

È la bellissima storia di un uomo tormentato e pieno di contraddizioni, con un immenso bisogno di amare ed essere riamato. Che porta avanti tenacemente il desiderio di dipingere, in quanto è l’unico modo per lasciare un messaggio di sé agli altri. È un film intenso come i colori forti e densi dei suoi quadri. Bravissimo l’attore protagonista, Willem Dafoe.
Ne consigliamo la visione a tutti coloro che amano l’arte, per conoscere uno spaccato della vita di una persona che ha fatto della pittura un modo per esprimere i propri stati d’animo.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedente"Programma culturale e i viaggi del 2019", mostra di Dario Gimelli e "La dama di picche"
Articolo successivoVolley. San Marino sbanca Forlì
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).