gatto

Siamo andati a far visita al gattile di Forlimpopoli. Probabilmente molti già lo conoscono, ma noi ne vogliamo parlare, poiché è un’iniziativa che merita di essere conosciuta da tutta la città di Forlì e oltre. Nelle campagne di Forlimpopoli esiste un gattile voluto da un’associazione di appassionati chiamata “Qua la zampa”; completamente costruito e gestito da volontari che hanno deciso di dedicare privatamente le loro energie fisiche ed economiche alla loro passione per i gatti.

Come arrivi nel parcheggio, infatti, vedi sbucare da ogni angolo felini-felici e sereni, perché lì tutto è fatto a misura di gatto. Dalle casette a terra o sugli alberi dove poter trovare rifugio in inverno e dove si trovano caldi letti accoglienti, con riscaldamento nei mesi invernali. I gatti ospiti sono tenuti in modo molto curato e le loro abitazioni sono estremamente pulite. Vengono sfamati 2/3 volte al giorno con cibo comperato o offerto da ristoranti a-mici.

Ci sono sia cuccioli che gatti adulti e quelli più anziani hanno la certezza che quell’ambiente sarà la loro casa per sempre. Alcuni di loro sono adottabili ed hanno alle spalle le storie più diverse di abbandono e maltrattamenti. Ma dopo un po’ che sono lì, l’amore e la cura dei volontari fa si che ritornino a fidarsi degli umani. Si cerca di rispettare le caratteristiche di ciascuno senza obbligarli a fare quello che non vogliono. Sono anche un po’ speciali; infatti non sono intimoriti dalle carrozzine, alle quali si avvicinano tranquillamente.

Vorremmo fare i complimenti ai volontari per l’affetto e la cura che dedicano a quegli animali. Tanto da farci dire che dopo le famiglie, ovviamente, questo è il luogo migliore per un gatto. I volontari li amano talmente da avere dato ad ognuno un nome. Il calore che si sente ci ha lasciate stupite, proprio come se si trattasse di una grande famiglia. La loro attenzione è tale che sono pronti a tenere leggermente isolati quelli più problematici al loro arrivo, in attesa che si abituino a vivere con gli altri.

Sono, inoltre, seguiti da un veterinario che monitora la loro salute. In conclusione: un grande grazie a Renata e a tutti gli altri volontari per avere pensato a creare un simile ambiente per i nostri amici gatti. Continuate così e non mollate!

Ah, dimenticavamo: un particolare che ci ha molto colpite è che al suo interno esiste pure una “lavanderia”, con lavatrice ed asciugatrice, per tenere sempre pulite le loro copertine, così da non trasmettere nessun tipo di malattia parassitaria eventualmente contagiosa.
Insomma… abbiamo visto questi micetti pasciuti stare così bene che se fossimo gatti senza una casa, beh, è lì che vorremmo vivere. Ovviamente, scherzi a parte, andate a visitarlo e se, potete, non comprate ma adottate!

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedente"Biancaneve" al teatro Il Piccolo
Articolo successivo"Oltre l'ignoto", un programma tv sul mistero direttamente dalla Romagna
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).