cinghiali

Emergenza cinghiali anche nelle nostre strade. Ad inizio anno l’attraversamento improvviso di un gruppo di cinghiali in autostrada causò un gravissimo incidente mortale a Castel Nuovo Rangone (Mo) e 10 feriti. Ieri a Forlì, poco dopo le 21,30, una famiglia di cinghiali ha attraversato la via Del Partigiano, nei pressi del distributore Beifin, provocando un incidente per fortuna senza conseguenze al conducente, con gravi danni al veicolo e la morte di un ungulato. E la seconda dose di fortuna è consistita nel tipo di veicolo che è andato a scontrarsi con quegli animali selvatici, un “massiccio” Land Rover Discovery. Altri danni, e forse altre conseguenze, se il veicolo fosse stato di dimensioni più piccole in una strada dove il limite è dei 90 km/h. L’incidente è stato rilevato dalla pattuglia infortunistica della Polizia Locale di Forlì.

Conseguentemente alla tragedia del 3 gennaio ci fu un interpellanza in Regione del consigliere della Lega Pompignoli che con una question time sottolineò “la proliferazione di questa specie è fuori controllo ed è evidente che gli sporadici piani di abbattimento messi in campo anche dalla nostra Regione, non bastano più. È necessario prendere atto dell’emergenza e agire a monte, con coraggio e lungimiranza affinché episodi come quello di Lodi non capitino più, perché la sicurezza dei nostri cittadini e di chi, con passione e sacrifici, la caccia la esercita, viene prima di tutto. Prima delle crociate ambientaliste che spesso prevaricano sul buon senso dei nostri amministratori e che invece non possono avere la meglio perché va bene tutelare la fauna selvatica, ma fino a un certo punto”.