Palazzo Romagnoli Forlì

Dopo il successo della conferenza internazionale “Women’s rights first of all” dello scorso anno, martedì 4 dicembre alle ore 9,00, nella suggestiva cornice di Palazzo Romagnoli, in via Albicini 12 a Forlì, l’Associazione Women e il Comune di Forlì, organizzano l’evento “Donne migranti: tra diritti civili, integrazione e cultura”.
L’evento, realizzato nell’ambito del progetto “I diritti delle donne tra cultura, migrazione, integrazione e identità”, co-finanziato dalla Legge Regionale n.6/2014, partendo dalle conclusioni della conferenza internazionale dello scorso anno, vuole focalizzarsi sui diversi aspetti del percorso di inclusione ed integrazione delle donne migranti.

La giornata sarà strutturata in due diversi momenti di confronto. Dopo i saluti istituzionali di Davide Drei sindaco di Forlì, Elisa Giovannetti assessore alla cultura e alle pari opportunità del Comune di Forlì e presidente dell’Associazione Women, aprirà i lavori della giornata. Nel corso della mattinata, coordinata da Claudia Castellucci del Comune di Forlì, interverranno Raffaella Baccolini e Alessandro Bozzetti dell’Università di Bologna e Rossella Piccinini di Iress. Seguiranno gli interventi di Serena Vantin del Crid di Modena, di Daniela Colombo fondatrice e presidente fino al 2015 di Aidos, di Sara Visintin coordinatrice del progetto Accoglienza Rifugiate di Trama di Terre e di Giulia Civelli del Centro Donna del Comune di Forlì insieme a Raffaella Guiducci della Cooperativa Dialogos.

A partire dalle ore 15,00, prenderà avvio la tavola rotonda sul tema “Donne migranti: quale cittadinanza?”, che vuole essere un momento di confronto e condivisione di esperienze dirette riguardanti il percorso di integrazioni delle donne migranti. Tale sessione sarà coordinata da Barbara Bertoncin della Fondazione Alfred Lewin e vedrà la partecipazione e gli interventi dei rappresentanti del Comune di Forlì, dell’Associazione Women, del Consiglio dei Cittadini Stranieri, dell’associazione Trama di Terre, del centro Metra, di Forlì Città Aperta e della giornalista Cinzia Sciuto.

Alle ore 18,00 l’evento cambierà sede, ci si sposterà infatti nella sede dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Forlì-Cesena in via Albicini 25, dove ci sarà un incontro con le autrici e verranno presentati i libri “Non c’è fede che tenga” di Cinzia Sciuto e “Mappe per una geografia umana” a cura della Collettiva di Trama di Terre.