Piazzetta-Sferisterio-Forlì

Dopo quasi un anno e mezzo sono stati ultimati i lavori, iniziati il 19 giugno 2017, di potenziamento della rete di teleriscaldamento in piazzale della Vittoria e piazzetta Sferisterio, che dal 8 dicembre sarà riaperta alle automobili, in tempo per le prossime festività e la Fiera di Santa Lucia. In questi giorni la ditta incaricata da Hera sta ultimando l’asfaltatura della Piazzetta, nella quale, per garantire la sicurezza idraulica dell’area, che in passato aveva avuto qualche problema di allagamenti, è stato rifatto completamente il sistema fognario ed è stato realizzato un sistema drenante. 

Grazie a questo importante intervento, che ha comportato un investimento di circa 1,1 milioni di euro, ora la rete teleriscaldamento nel centro di Forlì sarà alimentata dalla Green Energy House di Hera, la centrale che serve anche il Campus universitario di via Corridoni e altre utenze collegate alla rete urbana. Inaugurata il 23 novembre 2016, l’infrastruttura è in grado di produrre energia elettrica, termica e frigorifera in maniera combinata (la cosiddetta trigenerazione), garantendo una significativa riduzione dell’uso dei combustibili fossili e delle emissioni di CO2 equivalenti. 

Durante i lavori del cantiere si sono stati allacciati alla nuova rete teleriscaldamento alcuni importanti edifici cittadini, quali l’Istituto Tecnico Industriale, il Ginnasio, la scuola primaria De Amicis e il palazzo dell’Inps in viale della Libertà (già allacciati alla centrale dell’Itis recentemente rinnovata), la Provincia in via Mercuriali, Piazza Morgagni, Via Bruni, il Palazzo Fiat/Poste in piazzale della Vittoria e il complesso Nuova Abitare, adiacente a via Volta, nell’area della stazione ferroviaria. 

Nei prossimi mesi Hera promuoverà, attraverso i propri incaricati commerciali, la realizzazione di nuovi allacci alla rete, offrendo a nuovi potenziali clienti la possibilità di prendere parte a questo grande progetto “green” per la città ed estendendo loro gli ulteriori vantaggi del teleriscaldamento, che consente di evitare il costo di acquisto o sostituzione della caldaia, i relativi costi di manutenzione ordinaria e straordinaria.
Una scelta, quindi, sostenibile, vantaggiosa e con un’apprezzabile qualità del servizio rispetto alle modalità alternative di produzione del calore, che offre un servizio di pronto intervento gratuito H 24 a tutti i clienti allacciati.
I cittadini residenti nelle aree sopra menzionate possono ottenere ulteriori informazioni relative al teleriscaldamento o richiedere un preventivo per eventuali futuri allacciamenti, rivolgendosi allo sportello Hera di via Balzella, n.24 a Forlì, visitando il sito www.gruppohera.it, contattando il Servizio Clienti Hera 800.999.500, gratuito per rete fissa e mobile, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e il sabato dalle 8 alle 18, o inviando una mail all’indirizzo gestioneclientitlr@gruppohera.it. 

L’intervento ha previsto la posa di doppie tubazioni in acciaio, gran parte delle quali sotterranee, per una lunghezza di 400m circa, che corrisponde a una quota parte del tracciato completo che conduce da Viale della Libertà al Campus universitario.
Per minimizzare i disagi per la cittadinanza, dovuti all’esecuzione lavori contemporaneamente su più aree, per il collegamento da Piazzale della Vittoria al Campus è stato realizzato un tunnel sotterraneo con la tecnologia del microtunnelling, meno invasiva perché sotterranea, quindi ‘senza scavo’ (no-dig), per la quale Hera ha sviluppato grande esperienza. Queste tecniche consentono di effettuare gli interventi di ripristino con impatti di cantiere minori rispetto allo scavo tradizionale, riducendo le aree occupate, l’emissione di polveri e rumore e i disagi alla viabilità. 

La realizzazione della nuova rete e lo sviluppo del teleriscaldamento a Forlì ha come obiettivi la qualità dell’aria (grazie alla riduzione dell’energia fossile utilizzata e delle emissioni di anidride carbonica) e la salvaguardia ambientale ed è inserita nel “Piano di Sviluppo Teleriscaldamento Hera 2017-2020”, condiviso con l’Amministrazione Comunale e approvato con delibera nel maggio 2017.
Il teleriscaldamento prevede, infatti, un solo punto di emissione in sostituzione di quelli provenienti dalle singole caldaie, consentendo grandissimi benefici ambientali nel comparto del riscaldamento domestico, che incide in modo significativo, sia per emissioni di anidride carbonica che di inquinanti (polveri sottili). Una volta a regime, nel 2020, grazie al nuovo sistema di teleriscaldamento, vi sarà una diminuzione a Forlì, per ogni anno termico, di emissioni in aria pari a 7.500 kg di anidride solforosa e di 4.000 tonnellate di anidride carbonica (l’equivalente di 40.000 alberi), oltre al mancato utilizzo di 1.100 tonnellate equivalenti di petrolio (Tep) con un risparmio del 33% di energia primaria. Il nuovo sistema produrrà annualmente 12.600 MWh termici, 2.680 MWh elettrici e 758 MWh frigoriferi, con una volumetria allacciata di 525 mila metri cubi, equivalenti a circa 2.200 appartamenti di 240 metri cubi ciascuno.

L’investimento complessivo messo in campo da Hera per il progetto di sviluppo del teleriscaldamento, che riguarda una porzione importante del centro storico di Forlì, è di 11 milioni di euro: 6,5 dei quali per la realizzazione della Green Energy House e 4,5 milioni necessari per l’interconnessione e gli allacciamenti.
La produzione combinata di energia elettrica, termica e frigorifera della Green Energy House, che grazie a questo intervento diventa l’impianto di produzione principale, permetterà di ottenere una migliore efficienza energetica, dovuta al significativo risparmio di gas metano rispetto alla loro produzione separata, e un minore impatto ambientale.
I vantaggi per la città e per il suo centro saranno, quindi, molto significativi, sia per un maggiore controllo delle emissioni, sia per il maggior rendimento energetico della produzione contemporanea di energia elettrica termica e frigorifera grazie alle elevate prestazioni energetiche della centrale.