Paola Negosanti

Partendo dalla definizione di ausilio del GLIC (La rete Italiana dei Centri di Consulenza sugli Ausili Informatici ed Elettronici per persone con disabilità) ”l’ausilio è un investimento, non un tributo che la società paga al cittadino perché non riesce a guarire dalla sua disabilità; è un diritto del cittadino, ma anche un’opportunità per la sua vita, ed è pure un bene prezioso per la società. Infatti, prescrivere bene un ausilio significa non solo dare le risposta migliore ai bisogni di autonomia e di qualità della vita della persona con disabilità”.
È importante sottolineare l’importanza del nuovo nomenclatore degli ausili e protesi compreso anche nei LEA sanitari (Livelli di assistenza).

Finalmente dopo 30 anni, è stato aggiornato con precisione il 12 gennaio 2017, ma ancora oggi dopo quasi due anni dal suo aggiornamento a causa dell’assenza di linee guida nazionali, ogni Regione o più spesso ogni Azienda Usl sta cercando di sviluppare percorsi attuativi che però evidenziano diverse criticità, non tanto o non solo di carattere strettamente normativo, quanto legate ad un’appropriata traduzione pratica dei principi e delle direttive del nomenclatore. Speriamo che al più presto venga fatta chiarezza, permettendo a ogni persona di avere l’ausilio più adatto alle proprie necessità che gli permetta di vivere la propria vita.

Paola Negosanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteDavide Santandrea il presepista più conosciuto nel mondo
Articolo successivoRagni: “Si apra un dibattito sulla Rocca di Ravaldino coinvolgendo anche artisti ed intellettuali”
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).