volley-sammartinese

Flamigni Panettone Kelematica Forlì – Far Castenaso Volley Bologna: 3-1

25-22; 25-16; 23-25; 25-23

Flamigni Kelematica Forlì: Ognibene 9, Balsamo, Paolini, Romagnoli 2, Lombardi 21, Ravaioli 8, Caldara 7, Rosetti 17, Masina, n.e. Maestri, Calabrese, Cipolloni. All. Casadei.
Castenaso: Gabusi 2, Bonini 9, Sartori 9, Cesari 15, Franchi 2, Vitali 1, Grasso 9, Dall’Olmo 6, Caselli, n.e. Coco, Setti, Correnti, All. Gaiani.
Arbitri Camillini di S.Giovanni Marignano e Catalano di Rimini.

Ieri al PalaMarabini di San Martino in Strada, si è svolta la 5° giornata del campionato regionale di Serie C – Girone C. Le atlete della Flamigni Kelematica hanno ospitato nelle mura di casa il Far Castenaso Volley Bologna, che fino a ieri erano prime in classifica.
Forse lo stimolo di giocare con una squadra forte, forse perchè hanno ritrovato grinta e agonismo, ormai latenti da un paio di partite, le ragazze di coach Casadei hanno improntato il loro gioco, rimanendo punto a punto sempre nelle fasi iniziali dei set ma mettendo poi la freccia del sorpasso nel proseguo.
Una vittoria quella di ieri, 3-1 che fa morale ed è soprattutto una bella iniezione di fiducia e consapevolezza. Una vittoria che denota le capacità delle giocatrici biancorosse di poter fare molto bene, se mantengono grinta e concentrazione, dal primo all’ultimo minuto.
Ritrovata una Maria Lombardi decisiva, opposta classe 1998, che negli ultimi incontri era stata piuttosto sottotono, ma con il tabellino punti di ieri (21) tra muri attacchi e battute, è tornata a fare la differenza. A seguire, strepitosa prestazione di Annalisa Rosetti (schiacciatore) con 17 punti. Insomma, una grande prova per le atlete di casa e una grande prova di squadra.

La Volley Sammartinese partecipa alla campagna di sensibilizzazione che porta il nome di Movemberromagnolo (dal mese novembre e dal nome del baffo mustache) mirata alla prevenzione del tumore alla prostata, promossa dall’Istituto Oncologico Romagnolo Onlus (Ior). Un importante missione di informazione sull’importanza della diagnosi precoce. Una missione che vuole come testimonial atleti ed atlete.