Filippo Lo Giudice Ugl Forlì

Prendiamo atto con stupore che il Movimento 5 stelle di Forlì ha modificato quasi interamente il ‘pacchetto’ sicurezza che due anni fa aveva presentato ai cittadini chiedendone anche la sottoscrizione. Dai 10 punti presentati ai forlivesi ed anche al prefetto sono scomparse: le voci sull’utilizzo delle guardie giurate, scomparsa la necessità di chiedere al Parlamento l’inasprimento delle pene per alcuni reati e il rafforzamento delle forze dell’ordine, eliminate anche le ordinanze speciali anti-degrado. In compenso i ‘grillini’ hanno inserito la proposta di permettere ai cittadini di poter fornire segnalazioni in forma anonima, come avviane in tutte le dittature di questo mondo. Un comportamento scorretto che non possiamo non stigmatizzare” così Filippo Lo Giudice segretario regionale Emilia-Romagna dell’Ugl Sicurezza Civile, il sindacato di categoria più rappresentativo delle guardie giurate.
Nell’estate del 2016 alla presentazione del primo documento sulla sicurezza del M5S avevamo condiviso a Forlì la proposta di impiegare la vigilanza privata nei servizi di controllo diurno e notturno nelle aree a rischio e degradate della nostra città. E credo che questa proposta fosse gradita, e lo è ancora oggi ai forlivesi che chiedono più controllo, anche con l’impiego della vigilanza sussidiaria. Visto che anche con l’assunzione di nuovi vigili urbani, con il blocco del turn over, se ne assume uno per sopperire a quattro agenti che se ne andranno, è necessaria più vigilanza. Ancora di più, dunque, apprendiamo con stupore che questa proposta è stata eliminata dal ‘pacchetto’ sicurezza del M5S e dunque siamo costretti a prendere le distanze decisamente. Dovendo anche ricordare ai cittadini che hanno sottoscritto quel documento che quello presentato oggi è un’altra cosa. E correttezza e serietà politica vorrebbe che questa modifica, questa manina che ha modificato gran parte dei 10 punti, venga ricordata ogni volta che il M5S parla di sicurezza a Forlì” conclude il segretario regionale Emilia-Romagna dell’Ugl Sicurezza Civile, Filippo Lo Giudice.