Vino, arte e solidarietà: all’insegna di questo fortunato trinomio si ripropone, per la sua sesta edizione, l’iniziativa “Solidale Di-Vino”, l’asta benefica di bottiglie con etichetta d’autore realizzata grazie al sostegno di tanti attori del territorio uniti dalla sensibilità verso la mission di tre realtà locali che operano nel sociale: Fondazione Opera Don Pippo Onlus, associazione LVIA – Forlì nel mondo e Cooperativa Equamente.

L’appuntamento è per sabato 17 novembre alle ore 19,00 nel salone polivalente della parrocchia di San Paolo in via Pistocchi 19 a Forlì. Nel tradizionale evento verranno battuti all’asta 48 lotti di vini di qualità, alcuni dei quali decorati con etichetta d’autore, messi a disposizione da 24 cantine dislocate nel circondario forlivese e faentino.
Il ricavato della serata sarà interamente devoluto al sostegno delle attività di LVIA – Forlì nel mondo, Fondazione Opera Don Pippo e Cooperativa Equamente. La serata si aprirà con una degustazione dei vini offerti dalle cantine Poderi dal Nespoli e Azienda Agricola Stefano Berti. Inclusi nel costo d’ingresso all’evento (10 euro) sono compresi anche tre biglietti della lotteria, con premi messi in palio da 28 realtà del territorio, tra aziende, ambulatori, cooperative, botteghe artigianali, esercizi commerciali e palestre. La serata prevede, infatti, anche una lotteria, con l’estrazione di una cinquantina di premi: i biglietti sono acquistabili presso la Bottega del Mondo (via delle Torri 7/9, Forlì), la Fondazione Opera Don Pippo (via Cerchia 101, Forlì) e la Libreria del Duomo (via Solferino 19, Forlì).

Immancabili, in veste di battitori d’asta, i tre pilastri dell’iniziativa: Pier Giuseppe Bertaccini, Gianfranco Bolognesi e Fabrizio Fornasari, storici promotori della manifestazione che ha visto i natali nella suggestiva cornice di Villa Prati nel 1978 ed è tornata a nuova vita nel 2013 grazie alla Fondazione Opera Don Pippo, LVIA – Forlì nel mondo e Cooperativa Equamente. Chiamati in causa per questa operazione filantropica anche una ventina di artisti, che hanno realizzato le etichette d’autore. Al pittore Paolo Vignali si deve inoltre il logo dell’edizione 2018 di “Solidale Di-Vino”: con il quadro “Il circo africano” l’artista ha voluto rappresentare l’improbabile stupore con il quale si accetta di guardare a Paesi del Terzo Mondo e migranti. Altri sette sponsor del territorio si sono infine spesi per permettere la stampa del libretto illustrativo dei lotti messi all’asta.

I fondi raccolti durante la serata del 17 novembre verranno devoluti a sostegno dei progetti portati avanti da:
• Fondazione Opera Don Pippo: nata nel 1952 e costituita a Fondazione nel 1971, svolge attività di assistenza sociale e socio-sanitaria nei confronti di persone svantaggiate, con disabilità o in condizione di disagio economico, sociale o familiare.
• LVIA – Forlì nel mondo: l’associazione, nata nel 1979, fa capo all’Ong LVIA e si occupa di cooperazione e volontariato internazionale, con l’obiettivo di sensibilizzare il territorio sulle tematiche inerenti al Nord-Sud del mondo e al volontariato internazionale.
• Cooperativa Equamente: costituita nel 2007, l’organizzazione senza scopo di lucro promuove la diffusione del commercio equo e solidale per una maggiore equità tra Nord e Sud del mondo. Socia del consorzio CTM Altromercato e di Agices, gestisce le due botteghe del mondo di Forlì e Cesena.

CONDIVIDI
Articolo precedenteI Clubs Lions contro il diabete
Articolo successivoUgl Pensionati, tavolo in piazza a Forlì
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).