Mons.-Corazza-e-Papa-Francesco

Il 19 e 20 novembre il vescovo di Forlì-Bertinoro, Livio Corazza parteciperà al viaggio-pellegrinaggio a Bruxelles, con una delegazione di Vescovi dell’Emilia-Romagna, per incontrare i rappresentanti delle Istituzioni civili e ecclesiastiche europee.
Oltre a mons. Corazza della delegazione fanno parte Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna, Gianni Ambrosio, vescovo di Piacenza-Bobbio, Enrico Solmi, vescovo di Parma, Lorenzo Ghizzoni, arcivescovo di Ravenna-Cervia, Giancarlo Perego, arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Tommaso Ghirelli, vescovo di Imola.

Andare nella capitale europea e incontrare organismi dell’Ue e delle Chiese europee ha lo scopo di favorire una riconciliazione con le ragioni che hanno dato vita al progetto Europa – ha affermato monsignor Corazza – chiediamo la saggezza di non rubare il futuro ai giovani. I giovani amano l’Europa, la sentono come casa loro, non vedono confini o muri. Chiediamo che le risorse siano destinate alla custodia del creato, a creare lavoro, alla lotta alla povertà e all’esclusione sociale. Chiediamo all’Europa che non dimentichi le sue radici cristiane”.

La persona e la comunità sono le fondamenta dell’Europa che, come cristiani, vogliamo e possiamo contribuire a costruire – sottolinea monsignor Gianni Ambrosioi mattoni di tale edificio si chiamano: dialogo, inclusione, solidarietà, sviluppo e pace. Per questo è necessario incontrarci e conoscerci, dialogare e collaborare per lo sviluppo e la pace. Incontrando alcuni responsabili delle istituzioni europee, insieme a gruppi e associazioni che lavorano per il bene comune europeo, desideriamo esprimere concretamente il ruolo positivo e costruttivo che la fede cristiana possiede nell’edificazione della società”.

Durante la due giorni sono in programma diversi appuntamenti tra cui gli incontri con padre Olivier Poquillon, segretario generale della Comece (Commissione delle conferenze episcopali della Comunità Europea), con la delegazione all’Ue della Regione Emilia-Romagna, con Jorge Nuño Mayer, segretario generale di Caritas Europa, con l’onorevole Damiano Zoffoli, con il presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani e con l’alto rappresentante dell’unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza e vicepresidente della Commissione, Federica Mogherini.