Bondi Ferrara – Unieuro Forlì: 93-94 dts

Bondi Ferrara: Swann 43 (5/12, 8/14), Molinaro 15 (6/8, 1/2), Fantoni 12 (3/6), Panni 12 (2/2, 2/6), Barbon 9 (3/7 da tre), Liberati 2 (0/1 da tre), De Zardo, Mazzoleni (0/1, 0/1), Calò (0/1), Conti n.e, Petrolati n.e. All. Bonacina.
Tiri da due: 16/29 (55%). Tiri da tre: 14/32 (44%). Tiri liberi: 19/26 (73%). Rimbalzi: 45 (7+38). Assist: 20.
Unieuro Forlì: Lawson 19 (5/10, 2/5), Marini 15 (3/9, 3/6), Donzelli 15 (3/4, 1/2), Johnson 12 (4/6, 1/7), Bonacini 12 (3/6, 1/3), Oxilia 11 (4/9, 1/2), Giachetti 6 (3/6, 0/2), De Laurentiis 4 (2/3), Piazza n.e, Tremolada n.e, Dilas n.e, Fabiani n.e. All. Valli.
Tiri da due: 27/53 (51%). Tiri da tre: 9/27 (33). Tiri liberi: 13/23 (57%). Rimbalzi: 32 (8+24). Assist: 23.
Parziali: 27-24, 7-22, 22-18, 27-19, 10-11.

Una Ferrara indomita trascina Forlì al supplementare dopo che i romagnoli avevano lungamente condotto e controllato la gara per lunghi tratti. I padroni di casa, privi di Hall, partono molto meglio e dopo aver subito il primo canestro della partita piazzano un break di 14 a 0 che tramortirebbe un rinoceronte. L’Unieuro però non si perde d’animo e piano piano riesce a rientrare in partita anche grazie all’impatto dalla panchina di Donzelli e Bonacini che riescono a trascinare i compagni sino al -3 dei primi 10 minuti (27-24).

La seconda metà del primo tempo è caratterizzata da un break favorevole a Forlì di 15 a 0. Il vantaggio ospite così si dilata alla pausa lunga (34-46) con la Buondì che pare destinata a colare a picco quanto prima. Nel secondo quarto è il solo Swann a non mollare realizzando 16 punti individuali nei primi 20 minuti. La Buondì sembra non avere armi da contrapporre agli uomini di Valli.

Il 56-64 del trentesimo minuto è figlio di un equilibrio inatteso sul campo Johnson e Marini non riescono ad arginare il pari ruolo americano degli estensi e anche gli altri esterni di Bonacina trovano il canestro con continuità. E cosi Fantoni e soci si trovano meritatamente davanti a un minuto e mezzo della sirena finale. L’Unieuro è brava a resistere alla tentazione di forzare e continua nel proprio gioco così, dopo il 69 pari a pochi minuti dal termine, ha la palla della vittoria con Giachetti, ma il suo tiro non vede il ferro e si va ai supplementari a quota 83.

Il supplementare parte come peggio non potrebbe. L’Unieuro è sotto nel punteggio e col morale sotto i tacchi. Donzelli con l’aiuto di De Laurentiis risolleva le sorti dell’incontro e il morale dei compagni con 3 rimbalzi decisivi in attacco conditi da 6 punti decisivi nell’extratime. Gli ospiti perdono l’occasione di chiudere la gara dopo un recupero combinato tra Giachetti, Donzelli e Johnson che però non ne approfitta e il punteggio rimane in bilico. A 4 secondi e mezzo dal termine del prolungamento Ferrara ha l’occasione di impattare nuovamente il punteggio a quota 94 ma Swann sbaglia uno dei tre liberi, la palla esce e rimane ai casalinghi che hanno addirittura il tiro per vincere la gara, ma la difesa forlivese stavolta reagisce prontamente e porta a casa due punti che a tratti sono parsi sicuri e meritati a tratti un po’ meno.

CONDIVIDI
Articolo precedenteScontro frontale sulla Bidentina, muore una 86enne
Articolo successivo"Aforismi musicali" alla Scranna
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!