Paola Negosanti

Troppe volte il tragitto della mia carrozzina è stato interrotto da uno scalino, da una macchina parcheggiata davanti ad una rampa, o semplicemente da una bicicletta lasciata in mezzo al marciapiede. Più di una volta mi sono chiesta che cosa potevo fare per modificare questa situazione, perché non è una condizione che incide solo sulla mia vita, ma sulla qualità di vita di ognuno di noi.

So che è molto difficile, ma non è un’utopia. Questo è l’obiettivo principale che ha fatto nascere in me il desiderio di iniziare a “combattere” la mia battaglia con le barriere architettoniche. Combatto ormai da tre anni, ma c’è ancora tanto lavoro da fare. A me piace paragonare questo lavoro, ad una goccia che dopo goccia riesce a bucare la pietra. Questa goccia non si può mai fermare e affinché questo accada c’è bisogno dell’aiuto e del sostegno di tutti.

Anche se può sembrare un’utopia la realtà dei fatti è ben altra, infatti basterebbe fare un po’ più di attenzione quando si parcheggia l’auto o la bicicletta. E soprattutto i Comuni e lo Stato non si devono dimenticare mai dei P.E.B.A (piano eliminazione barriere architettoniche) e delle leggi sull’eliminazione delle barriere architettoniche. È arrivato proprio il momento di fare la differenza. Credeteci, possiamo farlo tutti, anche semplicemente facendo sentire la propria voce.

Paola Negosanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteAiutiamo il piccolo Alessandro Maria Montresor
Articolo successivoVideosorveglianza. Lega: "Dal ministero stanziati 148mila € per Forlì e San Mauro Pascoli"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).