Ostacoli diversi ma stesso risultato. Il campionato dell’Unieuro Forlì è cominciato con le risposte che società e tifosi sognavano: prima un successo in trasferta, a Cagliari, laddove la scorsa stagione festeggiare lontano da via Punta di Ferro pareva un’utopia, e poi la clamorosa ed entusiasmante vittoria con Verona davanti a 3.750 tifosi incandescenti. La terza giornata di regular season riporta Bonacini e compagni all’Unieuro Arena per un turno abbordabile ma decisamente scivoloso. Di fronte domani alle 18,00 (arbitrano Masi, Foti e Morassutti) l’Aurora Jesi di coach Damiano Cagnazzo e dei due americani deluxe Kevin Dillard e Andre Jones, ma anche di Baldasso, Totè e Rinaldi. Sconfitti di misura a Montegranaro nella gara d’esordio, i marchigiani hanno vinto e convinto all’esordio casalingo con l’Assigeco (97-86) confermando di essere un club dalle ambizioni solide.

In settimana coach Cagnazzo ha dichiarato: “Affrontiamo una delle squadre che in estate è stata protagonista del mercato, costruendo un roster ambizioso mixando talento, esperienza e giovani tra i più interessanti del panorama nazionale. Giocheremo inoltre su uno dei campi più caldi ed appassionati del nostro girone, dove la spinta del pubblico spesso trascina i propri beniamini a grandissime prestazioni. Noi dobbiamo andare a Forlì con l’idea di giocare ogni possesso al 100% delle nostre possibilità, duri e concentrati in difesa per poi provare a sviluppare azioni offensive che coinvolgano tutti i nostri giocatori”.
Parole di rispetto per Forlì anche da Lorenzo Baldasso: “Siamo contenti del successo con l’Assigeco Piacenza, era una partita che volevamo e dovevamo vincere perché coincideva con il nostro debutto casalingo. Questo deve essere un buon punto di partenza per affrontare la sfida con Forlì che sarà molto più difficile, sia per la qualità del roster sia per il calore del loro pubblico. Abbiamo già iniziato a preparare la gara e vogliamo arrivarci pronti”.

Grande ex della partita Pierpaolo Marini, showman lunedì scorso con la tripla della vittoria e protagonista di una stagione strepitosa in maglia arancioblù solo pochi mesi fa: “È solo la seconda giornata, né io né la squadra ha ancora fatto niente però le vittorie danno fiducia. La stagione passata è stata molto importante per me, il gruppo era fantastico. Jesi ha fatto un precampionato un po’ sotto tono, poi ha perso all’ultimo tiro in un campo difficile come Montegranaro e vinto bene con Piacenza. Saranno carichi, il coach è molto bravo. Credo che imposteranno una gara aggressiva“.
Focalizzato sul presente coach Giorgio Valli: “Sono certo che vista l’assenza di Donzelli i ragazzi daranno un contributo ancora maggiore, compreso Dilas che dovrà fare la sua parte con minuti di qualità. Jesi non è più una sorpresa, sono molto bravi a reclutare gli americani e hanno un grosso potenziale sul perimetro, con un roster di 7-8 giocatori che giocano tutti con grandissima serenità: questi elementi ne fanno una mina vagante, se lasciati giocare possono esprimere un notevole potenziale di attacco“.
Ospiti al completo, Forlì deve fare a meno di Daniel Donzelli fermo 15 giorni per un infortunio alla spalla.

Riccardo Fantini