Koiné-via-valverde

Siamo lieti di aver ricevuto la notizia dell’accordo raggiunto tra Comune, Ser.In.Ar. e Koinè per la riapertura degli spazi in via Valverde. Spazi non solo volti allo studio ma anche luoghi di aggregazione che favoriscono la popolazione studentesca universitaria e forlivese in generale. Finalmente una risposta concreta ai bisogni della comunità studentesca più volte manifestati anche dall’Unione degli Universitari che da sempre si batte affinché gli studenti abbiano accesso ad aule studio libere e gratuite che forniscano un servizio continuativo. Ribadiamo la necessità di luoghi adibiti allo studio che rimangano aperti fino a tardi, cosa che ad oggi solo Koinè riesce a fornire agli studenti forlivesi” si legge in una nota dell’UdU di Forlì.
Questa è una prima vittoria per gli studenti del Campus di Forlì e che l’Unione degli Universitari accoglie con favore ma non può essere sufficiente” afferma Camilla Piredda coordinatrice di UdU Forlì. “Persiste un problema strutturale in quanto le aule di via Valverde non possono, da sole, ospitare una popolazione studentesca in continuo aumento. Sono necessari nuovi spazi e sottolineiamo come al momento della chiusura delle aule studio di Koinè non siano state presentate dall’Università stessa delle alternative valide e concrete”.
L’Università sembra non rendersi conto delle reali necessità degli studenti. Riconosciamo l’aver posticipato la chiusura del Teaching Hub alle ore 21,00 come un primo passo verso la comunità studentesca ma tutt’ora esistono delle gravi mancanze. La Biblioteca Ruffilli ha una capacità ridotta, mentre le zone adibite allo studio all’interno del Teaching Hub sono posizionate in luoghi non idonei, in un’area di transito che si è da subito rivelata trafficata e quindi rumorosa. I problemi dei quali ci stiamo facendo portavoce sono concreti, sarà forse l’Università a non volerli ascoltare“?