Possibile

«Spesso si crede che il caporalato sia relegato a poche zone d’Italia, specialmente al sud. Invece è molto più diffuso di quanto si pensi, e purtroppo ci rendiamo conto ogni giorno di più che anche di fianco a casa nostra ci sono casi terribili di sfruttamento dei lavoratori. Dopo il caso cesenate emerso qualche settimana fa, ne è l’ennesima conferma la recente indagine dei Carabinieri, che ha scoperto una trentina di lavoratori romeni che lavoravano in nero per varie aziende agricole del forlivese e del ravennate, e che risiedevano ammassati in un’abitazione di via Bologna, a Forlì.
Possibile, il partito fondato da Pippo Civati, è da sempre molto sensibile al tema del lavoro; anche per questo, come Comitato Possibile Forlì-Cesena abbiamo creato la pagina Facebook “Basta silenzio” e il blog bastasilenziolavoro.blogspot.com, dove in forma anonima chiunque può denunciare sfruttamenti sul lavoro e altri casi simili.
Inoltre in vista delle amministrative, attraverso un questionario online (si trova sulla pagina Facebook “Possibile Forlì-Cesena”), abbiamo scelto di chiedere ai cittadini come vivono le due città capoluogo e come se le immaginano nel futuro. Distribuiremo il questionario anche direttamente nei banchetti che organizziamo nelle nostre città, dove saremo lieti di confrontarci con chiunque sia desideroso di maggiori informazioni o anche solo di vederci in faccia. I giorni migliori di domani, vogliamo iniziare a progettarli oggi».

Possibile Forlì-Cesena