La cosa veramente peggiore

0

Titolo: La cosa veramente peggiore. Autrice: Torey L. Hayden. Genere: Romanzo.

È la storia di David un bambino di 6 anni e della sorella più grande Lily, che senza famiglia vengono affidati dai servizi sociali a famiglie di appoggio, che puntualmente li rimandano entrambi all’orfanatrofio. Il libro inizia con David che mentalmente fa un elenco delle cose peggiori e al primo posto mette il nulla; cioè il non appartenere a nessuno perchè non c’e’ nessuno a cui importa qualcosa di quello che ti capita. All’inizio ha solo la sorella vicino, ma poi vengono separati. Così lui si ritrova da solo con una vecchia signora, con unica amica Mab, una bambina geniale con la quale crea un legame d’amicizia molto forte e particolare. Mentre con gli altri bambini che lo prendono in giro riesce solo a fare a botte, i due bambini insieme creano un’alleanza. Fino a quando si prendono cura di un uovo di gufo orfano e lo crescono con affetto e attenzioni come se fosse un loro figlio. Poi l’animale, non potendosi abituare alla cattività all’improvviso muore. Per David perdere qualcuno che gli apparteneva causa un immenso dolore. Tanto da arrivare a dire che è meglio non capiti mai niente di bello, per non rischiare di perderlo. E dopo tanta sofferenza alla fine conclude che la cosa veramente peggiore è la cosa migliore e che non si può avere l’una senza l’altra. Nella vita il buono e il cattivo non possono esistere separatamente, ma sono legati insieme. Inoltre da quella vecchia signora il bambino impara a valorizzare le cose positive che capitano senza pensare solo alle negative.

Il libro pur essendo crudo e difficile come tutte le storie che riguardano l’abbandono e la violenza sui bambini, è un romanzo commovente e profondo che tratta un argomento così scottante in modo molto delicato.

Per questo ne consigliamo la lettura a tutti coloro che vivono situazioni di disagio familiare: come può essere una separazione dai propri cari, perchè aiuta ad affrontare questa situazione in modo delicato e speranzoso.

Note sull’autrice; Torey L. Hayden è una scrittrice americana, vive da molti anni in Scozia con il marito e la figlia. La sua esperienza di insegnante nelle scuole speciali per bambini emotivamente labili, ha fatto di lei una specialista nell’ambito della psicopatologia infantile. Altre sue opere famose sono Una bambina, e Come in una gabbia. I suoi libri sono tradotti in molte lingue ed hanno venduto milioni di copie in tutto il mondo.

Loretta e Giovanna

CONDIVIDI
Articolo precedenteDi Paolo al 94' gela il Morgagni
Articolo successivoIl derby per un soffio va alla Libertas Claus Volley
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).