Aprire ufficialmente il movimento mondiale dello sport amatoriale alla comunità Paralimpica internazionale: questo uno degli obiettivi più ambiziosi attorno a cui si riunirà venerdì prossimo a Tortosa, in Catalogna, il congresso della Csit, la Confederazine internazionale dello sport amatoriale presieduta dal forlivese Bruno Molea. Proprio Molea, anche membro della giunta nazionale del Comitato italiano Paralimpico, ha nel corso del suo mandato presidenziale aperto ufficialmente la Confederazione alla comunità di atleti con disabilità nell’obiettivo di allargare gli strumenti di inclusione della Confederazione stessa nata oltre un secolo fa come Associazione per la promozione dello sport tra i lavoratori.
Il congresso di venerdì, anticipato dalle commissioni tecniche e dai workshop di settore già in corso, si confronterà anche sull’organizzazione tecnica dei “World Sports Games” 2019, le “Olimpiadi” dello sport amatoriale che si terranno proprio a Tortosa dal 2 al 7 luglio prossimo, e su altre strategie di sviluppo della Confederazione.
Csit ha oltre un secolo di storia, rappresenta 43 Nazioni e ha quindi anime e sensibilità diverse al suo interno – commenta il presidente Molea, che è anche presidente dell’ente di promozione sportiva Aics -. Vista l’esperienza accumulata non solo in Aics che da tempo è anche ente di promozione sportiva Paralimpica, ma anche nel Cip, ho pensato fosse giunto il tempo di proporre anche in Csit politiche sportive che fossero strettamente rivolte all’inclusione delle persone con diverse abilità perché solo così un movimento internazionale dello sport amatoriale può dirsi universale. Per la stessa ragione, Csit si è anche dotata recentemente di un fondo di solidarietà che consenta agli atleti degli Stati membri più poveri di partecipare ai nostri ‘World sport games’. Lo sport è strumento politico fortissimo: sta sopra le parti e consente di abbattere le barriere sia mentali che fisiche. Un valore aggiunto enorme in una struttura che rappresenta oltre 40 Stati nel mondo, alcuni dei quali storicamente in conflitto tra loro“.

CONDIVIDI
Articolo precedenteGli incontri: "Donne contro il razzismo e il sessismo" e "Siamo razzisti?"
Articolo successivoL'estemporanea a Cusercoli con pittori da tutt'Italia
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).