Fanzinoteca

La Fanzinoteca e la Biblioteca, la scuola e le fanzine, la “Cultura sociale” delle auto-edizioni italiane. Nella quarta edizione di #ioleggoperché il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2 propone un appuntamento per le scuole, i ragazzi e anche per i genitori, con un incontro e una visita guidata, coadiuvata da esperti del settore, presso la sede fanzinotecaria, con l’iniziativa intitolata “Dalla Fanzinoteca alla Biblioteca”. Quindi, apertura straordinaria dalle ore 14.00 della “Biblioteca delle Fanzine”, unica a livello nazionale, nel pomeriggio di sabato 27 ottobre, ove si realizzerà una “esplorazione” specifica per conoscere la realtà e i servizi di questa unica struttura nazionale, l’universo atipico delle stesse fanzine, nonché il reale valore socio-culturale che la produzione editoriale fanzinara italiana riveste.Un pomeriggio diverso come “diversa” è la comunicazione dei fanzinari, fanzine in omaggio a tutti i partecipanti.

Il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, per la quarta edizione di #ioleggoperché, propone l’appuntamento fanzinotecario, con l’adesione alla più grande iniziativa nazionale di promozione del libro e della lettura che svolte un’azione incisiva sulla promozione della lettura tra i giovani, contribuendo al miglioramento delle finalità che la biblioteca scolastica persegue, ed è proprio in questo contesto che lo Staff Centro Nazionale Studi Fanzine propone al pubblico una atipica produzione, quella fanzinara, maggiormente rispondente ai nuovi linguaggi delle generazioni più giovani; con le fanzine e ai loro contenuti. #Ioleggoperchè, un’azione di massa e di coinvolgimento collettivo, in cui Istituzioni, enti, partner, media, privati cittadini e la Fanzinoteca d’Italia condividono un unico obiettivo: far crescere stimoli per la lettura, portare nuovi libri nelle biblioteche scolastiche italiane e, perché no, iniziare a far circolare anche le fanzine nei contesti didattici come già da molti anni si fa all’estero.

Oltre 5.000 le scuole iscritte all’iniziativa, più che raddoppiate rispetto allo scorso anno, circa 2.000 le librerie aderenti in tutta Italia in cui acquistare un libro dal 20 al 28 ottobre per potenziare le biblioteche nelle scuole. Tante le iniziative sparse nello stivale, proprio come l’iniziativa proposta presso la Fanzinoteca d’Italia. Poco meno di un milione e 400mila bambini e ragazzi coinvolti da #ioleggoperché 2018, la grande iniziativa nazionale di promozione del libro e della lettura, organizzata dall’Associazione Italiana Editori (AIE) a sostegno delle biblioteche scolastiche di tutta Italia, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), con l’Associazione Librai Italiani (ALI), l’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) e Libriamoci! Per mezzo del Centro Nazionale Studi Fanzine gli appassionati e i curiosi dell’auto-edizione possono scoprire e conoscere la vastità dell’editoria fanzinara italiana, contenuti e contenitori, concetti e sconcerti comunicativi. Ricordiamo che la “Biblioteca delle fanzine” attualmente non ha più la disponibilità delle due aperture pubbliche settimanali, comunque ampia disponibilità e, previo accordo, per eventuali aperture su richiesta. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni è disponibile il sito www.fanzinoteca.it o la e-mail fanzinoteca@fanzineitaliane.it.

CONDIVIDI
Articolo precedenteLo spazio e la luce nelle sculture di Giuseppe Floccari
Articolo successivoIl concerto del Trio Nazionale del Kazakistan alla Scranna
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.