Scaligera Tezenis Verona

La seconda giornata di campionato mette a confronto due probabili protagoniste della stagione, all’Unieuro Arena arriva la Scaligera Verona.
Al debutto i ragazzi di coach Dalmonte sono incappati nella sconfitta interna per 81-90 contro la Fortitudo e vorranno sicuramente invertire la rotta.
I gialloblù sono una squadra fisica e ricca di talento in tutti i reparti, in grado di giocare anche una partita sporca sostituendo il fioretto con la clava. Terry Henderson è una guardia classe ’94 di 195 centimetri. Ottimo tiratore, l’ultima stagione l’ha giocata con i Greensboro Swarm, squadra affiliata agli Charlotte Hornets e che gioca nella lega di sviluppo della Nba; ha disputato 42 partite chiudendo con una media di 11.3 punti per gara, 2 assist e 3.8 rimbalzi in 27 minuti di impiego. Con gli Hornets, il giocatore ha preso parte alla passata preseason e alla Summer League di Las Vegas di questa estate.
Jazzmarr Ferguson e Andrea Amato, che si alterneranno in cabina di regia, sono giocatori che possono decidere qualsiasi gara da soli: l’americano è un ex, arrivò a Forlì ai tempi di Massimo Galli, fu protagonista di una stagione in chiaroscuro; solista di livello assoluto, tra Cremona (Serie A) e Biella nelle passate stagioni dove ha vinto la stagione regolare avendo meno fortuna nei play-off, è migliorato molto anche nel far giocare i compagni. Insomma l’uomo nero fa paura e per la difesa forlivese sarà difficile arginarlo. Amato, scuola Milano, ormai ha spiccato il volo e ha una sua precisa identità: giocatore in grado di controllare i ritmi della partita a proprio piacimento, se ispirato, come nella partita di Forlì l’anno scorso dove segnò 21 punti, può rappresentare un’ arma affilatissima nelle mani del proprio allenatore. Il ragazzo possiede anche ottime doti di costruttore di gioco per i compagni.
Completano le rotazioni delle guardie Davide Guglielmi e Francesco Oboe ancora acerbi per questi livelli. Giovanni Severini, ex più recente di Ferguson, che come lui domenica è partito dalla panchina, apre il reparto delle ali; può all’occorrenza giocare anche guardia e addirittura, come sanno bene gli appassionati forlivesi, portare palla.
Severini, la cui non riconferma rappresenta forse il più grande rimpianto del mercato estivo Romagnolo, è eccellente difensore e nella passata stagione ha anche migliorato le sue medie realizzative.
I confermati Mattia Udom e Iris Ikangi aggiungono al reparto delle ali fisicità, esperienza e talento. Omar Dieng, nonostante la giovane età come i compagni Davide Guglielmi e Francesco Oboe, è pronto a dar loro manforte al punto che contro la Fortitudo il ragazzo classe 2000 è partito in quintetto al fianco di Udom; si tratta di quattro giocatori completamente intercambiabili.
Il talento di Giacomo Maspero, le mani educate di Francesco Candussi e la fisicità di Andrea Quarisa hanno completamente rivoluzionato il reparto centri della Scaligera.
Dopo l’esperienza a Cantù Maspero è sceso di categoria per riprovare la scalata. Candussi dopo gli anni di Mantova è in cerca di nuovi stimoli, Quarisa il rilancio dopo l’infortunio che l’ha tenuto lontano dai campi per molto tempo nella passata stagione a Jesi quando iniziava a mettersi in luce: insomma un terzetto pericolosissimo per la difesa Forlivese.
La partita si giocherà lunedì sera alle 20,30 e sarà un esame importantissimo per le ambizioni stagionali di entrambe le compagini.
Verona non può più sbagliare se non vuole perdere ulteriore terreno rispetto alle concorrenti mentre Forlì cercherà di sfruttare al meglio il doppio impegno casalingo (il 21 ottobre all’Unieuro Arena arriverà Jesi) per continuare a sognare.

Valentino Piolanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteM5S: "L'ennesimo aiuto del Pd alle banche"
Articolo successivoPossibile: "Caporalato a Forlì e il progetto Basta silenzio"
Diplomato al liceo Fulcieri Paolucci de Calboli di Forlì, nel lontano 1997, intraprende gli studi di Scienze dell'Informazione di Cesena in cui consegue la Laurea nel marzo del 2002. Dopo varie esperienze lavorative nel ramo dell'informatica presta la sua opera come programmatore all'interno del servizio informatico dell'Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio e la Cura dei Tumori (I.R.S.T.) S.r.l. La sua vita senza la musica, lo sport e la ginnastica sarebbe stata monotona ma... Dicono di lui: "Chiedetelo agli altri...". Dice di lui: "Ciò che non ti uccide ti fortifica... Tutte cazzate"!