Centro-Nazionale-Studi-Fanzine-Energie-Diffuse-Regione-Umiliacchi

In questo fine settimana di ottobre è tempo di fanzine, infatti, nella sede fanzinotecaria già aperta al pubblico dall’inizio della settimana per le iniziative legate alla Manifestazione regionale ‘EnERgie Diffuse’, si ospiterà, in contemporanea, eventi per la ‘Giornata del Contemporaneo’ sabato 13 ottobre, e la ‘Giornata delle Famiglie al Museo’, domenica 14 ottobre, quindi fanzine per tutti e anche altri. Tre grandi eventi nazionali che, inseriti nel contesto del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, in via Curiel, 51, sono in grado di mostrare come questa atipica struttura sia una grande realtà, molto più di quanto si possa immaginare. Proseguimento delle aperture pomeridiane straordinarie per l’affermata “Biblioteca delle Fanzine” che accoglie il pubblico interessato, dalle 14,00 alle 18,00. Grandi proposte e iniziative nelle quali si fondono tradizione e innovazione, rispecchiando quella dote unica che la Fanzinoteca d’Italia 0.2 ha sempre dimostrato di possedere: la capacità di essere al passo con lo spirito dei tempi, se non proprio anticipandoli. Mostre, incontri, visite guidate, laboratori, ecc. per grandi e piccini, con “Fanzine: Contemporaneità delle auto-edizioni” e “Piccole Fanzine grandi appassionati” oltre al proseguimento di “Fanzine: patrimonio dell’umanità e di culture”, l’evento che è inserito nel calendario artistico della Regione Emilia-Romagna per l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale.

Per la Giornata delle Famiglie al Museo, sulla traccia del tema di quest’edizione “Piccolo ma prezioso”, la proposta socio-culturale fanzinotecaria è in grado di accogliere e amplificarne l’invito aggiungendo: “Piccole Fanzine grandi appassionati”. Senza alcun dubbio, per mezzo della realizzazione di fanzine, per piccole che possono essere, si è in grado di trasmettere grandi valori individuali e sociali, come la grande solidarietà e l’interazione tra persone e culture diverse, nonché il grande confronto, inoltre, attraverso le piccole pagine delle fanzine si propone la grande cultura come conoscenza. Mentre per AMACI, che ha scelto sabato 13 ottobre per la Quattordicesima Giornata del Contemporaneo, si apriranno gratuitamente le porte per presentare le nuove idee attraverso la mostra “Fanzine: Contemporaneità delle auto-edizioni”. Esposizioni, laboratori, eventi e iniziative che, di anno in anno, ha saputo regalare al grande pubblico n’occasione per vivere da vicino il complesso e vivace mondo dell’editoria fanzinara italiana, portando la realtà fanzinotecaria a essere considerata nazionalmente portavoce della perpetua stagione fanzinara. Il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, ancora una volta dimostra che è una realtà in grado di rappresentare la diversità come esperienza artistica ed individuale, non solo un valore aggiunto ma, bensì, ciò che fa la differenza.

Ricordiamo che l’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, “European Year of Cultural Heritage”, ha l’obiettivo di sensibilizzare in merito all’importanza sociale ed economica del patrimonio culturale e celebrare la ricchezza e la diversità culturali dell’Europa. Il motto dell’anno è: “Il nostro patrimonio: dove il passato incontra il futuro”, quale motto più adeguato calza a pennello per l’impegno e il lavoro fanzinotecario? In questo contesto, l’attività fanzinotecaria non è che all’inizio, per il 2019 si festeggerà il “Decimo Anno Attività Fanzinotecaria” una promozione di iniziative che è in grado di mostrare i seguenti numeri: ben oltre 7.000 pezzi presenti in sede, con all’attivo più di 3.000 eventi generali di spessore locale, nazionale ed internazionale, con la bellezza di 95.000 partecipazioni presenze/pubblico/visitatori (provenienti da tutta Italia, Francia, Germania e USA), 9 Tesi di Laurea supportate con assistenza esterna, 7 Tesi di Laurea nazionali che analizzano la Fanzinoteca stessa nel suo insieme e servizi, un progetto unico mondiale che raccoglie più di 20 di Tesi di Laurea dedicate al tema fanzinaro, il tutto con un coinvolgimento generico di oltre 83.000 appassionati. Dal 2010 ad oggi il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2 si è conquistato un’attenzione particolare da parte del grande pubblico e degli addetti ai lavori per l’importante ruolo nazionale, ed internazionale, che è in grado si svolgere nella sua unicità, con la promozione della cultura alternativa. Il lavoro per promuovere il “Decimo Anno Attività Fanzinotecaria” programmato per il 2019, è partito… Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni sull’esclusiva “Biblioteca delle fanzine” visitate il sito www.fanzinoteca.it o contattateci fanzinoteca@fanzineitaliane.it. @AMACI_musei @famigliealmuseo @culturaRER.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTavolo Sicurezza. Incontro in Prefettura con il sottosegretario alla Giustizia Morrone
Articolo successivoUova e moda, un nuovo modo di vivere piazza Saffi
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.