l'esperto fanzinotecario Gianluca Umiliacchi

Un evento di seguito all’altro, senza tregua e, stagione estiva appena passata, senza alcuna vacanza. Le costanti presenze e aperture del Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2, eseguite per tutta l’estate, dopo il mese di agosto vede buttarsi a capofitto, nel mese correte, passando da una iniziativa all’altra, come la recente iniziativa per la “Giornata Internazionale dell’Alfabetizzazione 2018” tenutasi l’8 settembre. A seguire si va spediti con le trasferte di Savignano sul Rubicone e Ancona. La prima, dove sarà allestita presso il “SI Fest OFF” una esposizione consultabile di fanzine nazionali, che verrà inaugurata alle ore 18.00 del 14 settembre, e si vedrà tutto questo e molto altro ancora nel TALK con Gianluca Umiliacchi, esperto nazionale fanzinotecario presidente della Fanzinoteca d’Italia 0.2, che il 15 settembre alle ore 17,00, si troverà disponibile con l’incontro aperto a tutti gli interessati in viale Matteotti di Savignano. La seconda dove sarà proposta una Mostra Fanzinara, con allestimento artistico, per il grande pubblico del “La Mia Generazione Festival”, un evento contemporaneo, fatto di performance coinvolgenti che partono da un passato abbastanza recente per ispirare il futuro. Insomma un grande mondo di passione, comunicazione e confronto che aspetta solo di essere scoperto e vissuto nel modo più adeguato!

Il SI Fest OFF nasce nel 2009 e nasce con l’intento di dare spazio a nuovi talenti in campo fotografico ed oltre. Dai suoi primi anni di attività ad oggi, è diventato un vero e proprio punto di riferimento grazie ad una organizzazione curata e attenta l’OFF è stato menzionato nel 2012 come miglior evento collaterale del SI FEST. La Mia Generazione Festival, che si svolgerà in gran parte a La Mole Ancona, si sviluppa come un’esperienza immersiva con la presenza di ospiti che hanno inciso sull’estetica, sull’etica e sul gusto, ma anche l’atmosfera del clubbing, la sperimentazione, il dialogo senza filtri tra artisti e pubblico che sarà scambio e divertimento. Due valide occasione, queste, per vivere da un altro punto di vista la produzione editoriale fanzinara, formata tante testate di auto-edizione, grazie all’incessante attività fanzinotecaria, che da nove anni prosegue frenetica senza sosta, numeri che dimostrano, senza alcun dubbio il valido traguardo raggiunto, considerando l’unicità di tale realtà, oltre al fatto che la forza fisica ed economica è stata investita solamente dalla associazione e dagli stessi volontari. Un risultato, quindi, di cui essere ben fieri ma, al tempo stesso, anche un punto di partenza. Infatti sono in cantiere gli eventi legati al “Decimo Anno di Attività Fanzinara”, perché 9 anni di immancabile successo significano la certezza che questa unica realtà può soltanto crescere ancora.

Inaugurata nel 2010 la prima, ed unica, Fanzinoteca d’Italia è diventato oggi uno dei più importanti luoghi del panorama per la cultura non ufficiale italiana. In 8 anni di attività e iniziative e proposte oggi possiamo dare un po’ di numeri contando più di 7.000 pezzi presenti in sede, con oltre 3.500 eventi di spessore locale, nazionale ed internazionale, e ben oltre 290.000 partecipanti/visitatori/contati generali (provenienti da tutta Italia, Europa USA e mondo intero), 9 tesi di laurea supportate con assistenza esterna, 7 tesi di laurea che analizzano la Fanzinoteca stessa nel suo insieme e servizi, una raccolta di oltre 20 Tesi di Laurea dedicate al tema fanzinaro, il tutto con un coinvolgimento generico di oltre 83.000 appassionati. Dal 2010 ad oggi il Centro Nazionale Studi Fanzine – Fanzinoteca d’Italia 0.2 si è conquistato un’attenzione particolare da parte del grande pubblico e degli addetti ai lavori per l’importante ruolo nazionale che è in grado si svolgere nella sua unicità, con la promozione della cultura alternativa. Per conoscere dettagliatamente le iniziative e chiedere informazioni sull’esclusiva “Biblioteca delle fanzine” visitate il sito www.fanzinoteca.it o contattateci fanzinoteca@fanzineitaliane.it.

CONDIVIDI
Articolo precedentePredappio, cittadinanza onoraria al professore Dino Amadori
Articolo successivoLa Medoc Forlì passa sul campo di Castel San Pietro
Esperto e attento ricercatore dei linguaggi giovanili, in particolare modo il linguaggio veicolato dalla produzione dell'editoria indipendente giovanile, con alle spalle studi di Tecnico Operatore Sociale è da oltre un decennio impegnato nella ricerca, studio e lavoro inerente alla produzione dell'editoria fanzinara nazionale. Filologo e storico delle fanzine italiane è autore di varie pubblicazioni e numerosi articoli, saggi, cronologie e bibliografie diffuse su periodici ufficiali ed amatoriali, riviste specializzate e webzine, un operato che testimonia il suo interesse per lo studio, la ricerca e la documentazione relativa all'universo, agli autori e alla produzione fanzinara. A questi prodotti amatoriali realizzati dal 1977 al 1997 ha dato alle stampe il primo, e finora unico, lavoro di catalogazione pubblicato in Italia. Coordinatore e organizzatore, nonché docente, di Workshop, Corsi, Seminari rivolti al mondo dell’editoria fanzinara italiana, svoltisi con successo in varie città, eventi che hanno sempre riscosso notevole interesse da parte dei partecipanti.