Bocchini-Lindelli-a-castrocaro

Le Terme di Castrocaro nel cuore. Al punto da essere fedeli da una vita alle cure terapeutiche e preventive basate sulle proprietà delle ‘magiche acque’ e dei fanghi di velluto a maturazione naturale. Agostino Bocchini, novantenne originario di Corpolò di Rimini, e Lino Lindelli, ferrarese di 77 anni, sono stati premiati nei giorni scorsi a Castrocaro per la fedeltà al presidio termale. “Vengo alle Terme di Castrocaro da ben 47 anni – racconta Agostino -. Nel tempo mi sono sottoposto a idrochinesiterapia, bagni e fanghi e alle cure per prevenire e contrastare le malattie dell’apparato respiratorio. Il lavoro in fonderia mi aveva lasciato in eredità polmoni malconci. Alle Terme di Castrocaro mi sono curato e rigenerato: disturbi e acciacchi sono ormai un ricordo. Al punto che, alla mia veneranda età, curo personalmente il mio terreno con 600 ulivi e 100 piante da frutta”.
Lino Lindelli è un ex sarto di origine estense. “Il mio legame con le Terme di Castrocaro è un po’ più recente: risale al 1984. Sono invalido civile e il mio lavoro sedentario mi ha procurato gambe gonfie, disturbi alle spalle, alla schiena e alla cervicale: i fanghi e la piscina termale mi hanno ‘rimesso al mondo’ e ora sono felicemente in salute. Inoltre il personale è gentilissimo, le strutture sono moderne e funzionali. Consiglio a tutti le Terme di Castrocaro”.
I due curandi sono diventati amici proprio in seno ai reparti termali una ventina di anni fa e da allora coltivano il rapporto di affetto anche al di fuori del periodo di cura. Al momento del congedo l’affiatata coppia ha salutato il personale delle Terme, ormai di famiglia, con una promessa: “Ci rivediamo nel 2019”.