compro-oro

L’oro e il suo valore subiscono degli aggiornamenti continui, giorno dopo giorno, innescando un meccanismo non molto semplice da capire. Questo perché diventa allettante fare investimenti sui metalli, e dunque bisogna prima entrare nell’ingranaggio del discorso. Già in epoche addietro, il metallo prezioso ha rappresentato oggetto di scambio e rappresenta la base per produrre ed emettere la carta moneta (che sorge in quanto certificato di deposito dell’oro). Ora la domanda è lecita: qual è il valore dell’oro usato?

Quotazioni oro: la situazione nel 2018

Il 2018 è cominciato con un altalenarsi del valore dell’oro, le cui quotazioni continuano a susseguirsi l’una dietro l’altra. Attualmente nel mercato di questo metallo prezioso si ha a che fare con situazioni molto delicate, influenzate ad esempio dall’arrivo di Trump come Presidente USA (la qual cosa influisce perché si parla spesso di eventuale guerra nucleare contro la Corea del Nord). Parallelamente si sta vivendo una battaglia commerciale, che ha comportato l’arrivo dei dazi. Che dire poi della politica monetaria che ha visto una propensione delle banche centrali ad aumentare i tassi di interesse. Pur se il 2017 abbia avuto tanti alti e bassi, gli esperti analisti vedono un trend positivo per questo nuovo anno, e dato l’andamento dei primi sei mesi del 2018, prevedono un prezzo del bene rifugio positivo entro dicembre. Ecco dunque che sono positive le aspettative nel mercato dei prossimi mesi con una buona evoluzione del valore dell’oro.

La misurazione del valore dell’oro

Così come tanti altri metalli preziosi pure l’oro gode di una sua unità di misura di riferimento. Per comprendere quanto sia il reale valore dell’oro si usa l’unità di misura del grammo e, poiché l’oro nel pieno della sua purezza ha una portata di gran lunga preziosa, esiste una unità di misura esclusiva che ne indica la quantità di purezza. Si tratta della caratura, ed è rappresentata da una scala che ha come valore assoluto il numero 24 (alias il valore massimo). Quindi l’oro puro al 100% sarebbe quello usualmente detto oro 24 carati (il cui simbolo sarà 24K). L’oro puro tuttavia non esiste in gioielleria dal momento che viene combinato con rame, argento o altri metalli, così che lavorarlo sia più semplice. Ovviamente, a seconda del metallo che farà da lega all’oro cambierà il prezzo del gioiello. Il valore più alto di oro in gioielleria è oro 18K.

Quotazioni e previsioni dell’oro

Per il 2018 sono state molte le previsioni sul valore dell’oro. Una delle quali proviene dalla Bank of America, la cui stima prevede che per fine anno l’oro concluderà a quota $1.400 per Oncia. Una simile previsione proviene da alcuni esperti di TD Securites e Sprott U.S. Holdings Inc. Anzi, stando agli analisti, il rialzo dell’oro subirà l’influenza dalle attuali battaglie commerciali che stanno incidendo e mettendo in bilico il mercato globale. Se tali battaglie non si arrestano, ci sarà sempre più richiesta di un bene rifugio richiesto da sempre come l’oro. La qual cosa potrebbe portare sempre più persone a vendere il proprio oro usato (dato l’aumento del valore), affidandosi ad esperti come http://www.mvsgioielli.it .

Sono molto più negative le previsioni di altri esperti. Una di queste è di Citi, la quale pronostica un 2018 che si concluderà verso i $1.355 all’Oncia, con un rialzo ipotetico pari a $1.400, in arrivo solo per il 2019. Citi ha detto quindi di fare molta attenzione al mercato, soprattutto in vista dei prossimi movimenti della Fed e degli eventuali rialzi dei tassi di interesse.