Io cammino da sola

0
Letture: 428

Titolo: “Io cammino da sola
Autrice: Alessandra Beltrame
Genere: romanzo autobiografico

È la storia di una donna che, nonostante la carriera, il successo e relazioni affettive non è felice. Abbandona il lavoro, il compagno e le comodità alla ricerca di stimoli che la soddisfino di più. Inizia così un percorso sia fisico che metaforico, unendosi ad un gruppo di camminatori. Durante questo cammino, infatti, imparano a conoscersi, raccontandosi la loro vita e confrontandola vicendevolmente. Questa camminata è anche un viaggio interiore che la porta a conquistare la posizione eretta con l’obbiettivo di dare risposte alle sue inquietudini. Cerca pace nella natura, mettendo alla prova i suoi limiti e le sue paure dentro una sfida con sé stessa. Camminare, quindi, serve anche a ricordare momenti del passato che sembravano negativi, facendoli diventare positivi forse perchè lei è cambiata ed è cresciuta nella fatica e nello sforzo fisico e mentale. Come se fosse una sorta di terapia o di meditazione.
La testimonianza dell’autrice è una storia di grande coraggio e determinazione, dove la protagonista rinuncia al posto fisso e sicuro e alle certezze raggiunte nella vita per andare a ritrovare se stessa. Camminando, metaforicamente e materialmente, lungo il sentiero incerto della vita. È anche un inno alla solitudine cercata e no, ma nello stesso tempo sottolinea il bisogno degli altri per essere aiutati a capire se stessi e confrontarsi.

Ne consigliamo la lettura soprattutto alle donne, per sfatare il mito del sesso debole e del pregiudizio sulle donne che viaggiano da sole. E a tutti coloro che hanno bisogno di capire che nella vita si può sempre ritrovare se stessi, anche attraverso una camminata; spesso anche senza l’ausilio delle gambe, perchè il viaggio vero parte sempre da un pensiero e da una necessità. Per potersi ritrovare e mettere alla prova i propri limiti più universali; la paura della solitudine e la fatica fisica.

Note sull’autrice: Alessandra Beltrame nasce a Treviso nel 1964. È giornalista e vive tra Udine e Milano. Ha lavorato per i più importanti gruppi editoriali. Per due volte ha lasciato il posto fisso perchè preferiva prima vivere e poi scrivere. Dal 2013 cammina quando può, appena può, zaino in spalla, in compagnia del suo cane. A volte anche da sola.

Loretta Spada e Giovanna Creta

CONDIVIDI
Articolo precedenteLocanda Chalet La Burraia
Articolo successivoA Entroterre Festival "La Risonanza International Summer Music Academy"
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).