assicurazione sul vetro

L’assicurazione autocarro per la responsabilità civile (RC) è obbligatoria per chi circola con veicoli di portata uguale o inferiore ai 35 quintali. In base al disposto contenuto nell’art. 54 del “Codice della Strada”, si considera autocarro ogni veicolo destinato al trasporto sia di cose che di persone, purché queste ultime siano quelle addette alla guida del mezzo e alla movimentazione del suo carico. A differenza della polizza RC auto, l’assicurazione furgone o autocarro si basa sulla portata e non sulla potenza del veicolo e, in caso di acquisto di un mezzo usato, non tiene conto della classe di merito “ereditata”. Pertanto, un autocarro nuovo con motore potente e bassa portata costa meno, in termini assicurativi, di un veicolo similare comprato usato, con minore cilindrata ma carico massimo superiore.

Premi e massimali

Se il premio annuo della polizza RC autocarro dipende dalle stesse variabili che determinano quelle sulle autovetture, salvo le differenze appena viste, il massimale assicurativo ha peculiarità diverse. Nelle polizze RC autocarro, la copertura dei danni provocati nel corso di un sinistro è indipendente dalla loro entità economica, ma è limitata in relazione al loro numero nell’arco di ogni anno. Questo tetto massimo di sinistri viene stabilito dalla compagnia assicuratrice ma, in genere, non supera mai i due/tre incidenti in 12 mesi. Per avere una copertura più ampia, è necessario pagare un plus così come va tenuto conto che la classe di merito è svincolata dal conducente ma segue il solo mezzo perché, per la destinazione d’uso propria dell’autocarro, è molto probabile che abbia conducenti diversi.

Le coperture accessorie

In base alle caratteristiche del veicolo, e al tipo di uso che se ne fa, può essere utile incrementare il pacchetto base dell’assicurazione RC autocarro con delle coperture accessorie. Questo comporta un aumento del premio annuo della polizza che però viene completamente riassorbito dal risparmio conseguente alla copertura data. Tra le principali coperture accessorie richieste dagli utenti vi sono quella che garantisce un’assistenza stradale “non stop”, la riparazione/sostituzione dei cristalli del veicolo, nonché il rimborso di danni sulla merce trasportata e sul carico/scarico della stessa. La personalizzazione della copertura assicurativa autocarro avviene, per la maggior parte dei casi, con la sottoscrizione di una polizza Kasko. Questa copertura “globale” copre i danni arrecati al veicolo indipendentemente dalla responsabilità del suo guidatore o di terzi. Sono coperti dalla Kasko, per esempio, i danni conseguenti a un ribaltamento del mezzo o all’uscita di strada dello stesso, nonché ad altre collisioni o urti accidentali.

Costo RC autocarro: esempio pratico

Si ipotizza di voler assicurare un autocarro nuovo, che sarà immatricolato a settembre 2018 e verrà utilizzato per il trasporto di merci comuni da parte di una società operante nel mercato all’ingrosso. La società in questione ha sede in Italia, è dotata di area privata recintata per la rimessa dei mezzi di trasporto e prevede che il nuovo autocarro percorra una media di 30.000 km all’anno. L’autocarro è un Iveco Daily 4 porte, con portata inferiore ai 35 quintali, antifurto elettronico e senza gancio di traino: sarà guidato dall’intestatario della polizza e da altri conducenti autorizzati, tutti con età superiore ai 25 anni, patentati da più di due anni e con più di 20 punti sulla patente.

Come conferma Assicurazioniautocarri.com, la polizza assicurativa più conveniente per quest’autocarro, e con le condizioni indicate, è quella di Genialloyd. A fronte del pagamento di un premio annuo di 790 euro, la compagnia assicura il mezzo con un massimale di 6.100.000 euro e copre la responsabilità civile per i danni eventualmente causati a terzi durante la circolazione del mezzo, sia in aree pubbliche sia in quelle private. Inoltre, l’assicurazione opera in caso di scoppio o incendio del veicolo anche quando questo non è in circolazione, con un tetto massimo di spesa pari a 100.000 euro per ogni sinistro.

Tale polizza copre anche la responsabilità civile per danni causati a terzi durante il carico/scarico merci, a patto che tali operazioni avvengano manualmente, nonché quella connessa a eventi dannosi causati da figli minori. La polizza proposta da Genialloyd prevede una copertura per responsabilità civile a prescindere da chi guiderà il mezzo, purché si tratti di persone con età maggiore ai 23 anni e munite di patente da più di 2 anni. In caso di danno causato da un conducente non autorizzato o in stato di ebrezza, la compagnia si rivarrà sull’intestatario della polizza di un massimo di, rispettivamente, 5.000 e 2.500 euro.