“E tu splendi” di Giuseppe Catozzella

0

E tu splendi
Autore: Giuseppe Catozzella
Genere: Romanzo
Il libro racconta la storia di Pietro, un bambino di 11 anni, e di sua sorella Nina, figli di immigrati lucani a Milano, che trascorreranno un’estate memorabile ad Arigliano, un paesino della Basilicata di 50 case di pietra e duecento abitanti. Lì vivono i nonni paterni. Un torrente prosciugato, un’antica torre ed un vecchio palazzo sono i luoghi che accendono la fantasia e i giochi dei bambini del paese. Mentre la vita scorre apparentemente uguale tra piazza, casa e bottega della nonna. La piccola comunità è tiranneggiata da un ricco proprietario terriero senza scrupoli, fratello del nonno di Pietro, che ha condannato il paese alla povertà e alla miseria. Quell’estate è diversa dalle altre per i due fratelli perchè in inverno la loro mamma è morta e perchè proprio lui scopre l’esistenza, dentro la torre abbandonata, di una famiglia di stranieri. Questa scoperta sconvolgerà la vita di tutto il paese: vengono subito rifiutati, criticati, e allontanati proprio da chi a sua volta se ne è andato via per cercare lavoro. Ad un certo punto uno dei paesani ha un’idea e coinvolge il nonno di Pietro all’inizio diffidente: cioè creare una cooperativa per risollevare l’economia del paese. Un po’ alla volta gli abitanti, grandi e bambini, si lasciano coinvolgere in questo progetto e rinasce la speranza. Ma il vecchio proprietario terriero distruggerà nuovamente questa rinascita con un incendio di cui verranno incolpati gli stranieri. I bambini, pur scoprendo la verità, restano inascoltati e non possono fare nulla. Alla fine di di quest’estate memorabile, Pietro riuscirà a scoprire, trovare e conquistare il suo innocente e fragile splendore.
È un romanzo che si confronta con il razzismo ed il rifiuto del diverso; problemi attualissimi in questo periodo di continuo sbarco di profughi. Il libro è un inno alla vita: i destinati ad essere morti ti insegnano a non splendere, perchè nella vita ti insegneranno a conformarti, a voler essere come loro. Brutti, infelici e condannati dal loro egoismo a non splendere. Ma tu invece splendi, dice l’autore ad un certo punto: e lo splendore può essere solo ostinato e personale. Il romanzo cerca di raccontare il tema dell’emarginazione e dell’immigrazione e di come ognuno di noi sia spesso straniero, innanzi tutto a se stesso. Perchè gli stranieri veri, i migranti ci danno fastidio, non li vogliamo vedere e non li vogliamo vicini, proprio perchè lo straniero ci ricorda quanto siamo estranei noi stessi.
Note sull’autore: Giuseppe Catozzella nasce a Milano, laureato in filosofia. Inizialmente ha pubblicato poesie, racconti e reportage su riviste o in antologie. Il suo best-seller Non dirmi che hai paura, vincitore del Premio Strega, è stato tradotto in tutto il mondo.

Loretta Spada e Giovanna Creta

CONDIVIDI
Articolo precedenteCala sipario sulla Festa Artusiana
Articolo successivoCelebrato alla Festa Artusiana il gemellaggio Forlimpopoli Villeneuve-Loubet
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).