carabinieri

Una furiosa rissa si è scatenata a Forlì ieri sera alle 23,00 nel chiostro dell’abbazia di San Mercuriale, mentre lì vicino diverse centinaia di persone si affollavano proprio nei pressi del pestaggio per i ‘Mercoledì del cuore’. Dalle indagini pare che i partecipanti all’aggressione fossero almeno quattro, prontamente fermati dai carabinieri. Tre di loro si sono avventati contro un uomo colpito a pugni e portato al Pronto Soccorso: una scena alla quale hanno assistito molte persone e, fortunatamente, anche un carabiniere in borghese che era fuori servizio, che subito ha chiamato i colleghi. Uno di loro aveva anche un coltello che poi avrebbe tentato di occultare tra la vegetazione del chiostro e che per fortuna non è stato utilizzato. Sul posto, si sono portate anche tre pattuglie dei carabinieri, una volante della polizia e una pattuglia della Polizia Municipale. Gli aggressori sono stati individuati e fermati e contemporaneamente sono stati chiamati i soccorsi del 118 per il ferito. Difficile ancora da chiarire la dinamica e ciò che ha scatenato la colluttazione. I carabinieri hanno individuato per ora tre soggetti, due maggiorenni (che sono stati arrestati) e un minorenne che è stato denunciato. Si tratta di tre rumeni, incensurati, che da controlli precedenti è emerso si frequentassero con la vittima, 30enne pure lui di origini rumene. Tra le ipotesi trapelate ci sarebbe quella di una spedizione punitiva contro la vittima che è dovuta essere accompagnata al pronto soccorso per le medicazioni. I reati contestati sono lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale, dal momento che il trentenne picchiato ha rimediato traumi cranici e al torace, nonché la frattura del naso ed è tuttora ricoverato in ospedale con 25 giorni di prognosi.