Movimento 5 stelle Forlì

Il Consorzio di Bonifica della Romagna starebbe progettando, con l’aiuto del Comune di Forlì, una enorme vasca di laminazione dell’estensione di 30 ettari in zona Villafranca, per proteggere il territorio dalle alluvioni”, scrivono in una nota Daniele Vergini e Simone Benini consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle di Forlì. “La faraonica opera, dal costo stimato di circa 3,2 milioni di euro di soldi pubblici, sarebbe stata oggetto di un incontro nei giorni scorsi fra il comitato di quartiere di Villafranca e i tecnici del Consorzio e del Comune, alla presenza dell’assessore Francesca Gardini”.
Ci interroghiamo sulla reale utilità di quest’opera e speriamo che non sia solo un tentativo per farsi pubblicità in occasione delle imminenti elezioni amministrative legando il proprio nome ad una grande opera”, è l’affondo dei pentastellati.
Ci è stato riferito da più parte che la vicenda ha destato notevole preoccupazione fra gli abitanti del quartiere perchè innescherebbe espropri di un gran numero di campi coltivati, inoltre, visto che il progetto consisterebbe nello scavare di un metro e mezzo questi 30 ettari, vi sarà per forza un elevato traffico di autocarri per il movimento terra e non è nemmeno chiaro quale utilizzo sarebbe fatto del materiale estratto, in gran parte terra fertile e sabbia, un disastro per l’area attualmente largamente utilizzata per l’agricoltura”, spiegano Vergini e Benini.
Se non fosse vero risulterebbe difficile da credere… anche perchè già ora il Consorzio di Bonifica fatica ad attuare la manutenzione ordinaria di sua competenza, abbiamo infatti ricevuto varie segnalazioni sul fatto che i fossi ed i canali di scolo non verrebbero puliti, i sifoni del Canale Emiliano Romagnolo sarebbero pieni di terra e quindi intasati, manutenzioni questi si indispensabili per arginare il rischio alluvione che però non verrebbero fatte, ci chiediamo quindi se siano state fatte serie valutazioni sulla reale utilità di questa opera mastodontica, che poi a sua volta dovrebbe essere manutenuta”.
“Infine, pur essendo l’area interessata sotto la competenza dell’Autorità di bacino del Po, non è chiaro se il Consorzio si sia interfacciato con l’Autorità o con la Regione, rimangono quindi molti dubbi sugli effetti che questo progetto potrebbe avere su scala maggiore”.
Ad intervenire sulla questione è anche il deputato M5S Carlo Ugo de Girolamo che afferma: “Il contrasto al dissesto idrogeologico rientra tra le priorità del Ministero dell’Ambiente, come ha dichiarato lo stesso ministro Costa pochi giorni fa in audizione al Senato“. Prosegue de Girolamo: “Favorire azioni di prevenzione o fornire supporto, in accordo con le Regioni, per progettare interventi prioritari in grado di mitigare il rischio idrogeologico, rappresentano certamente obiettivi che questo Governo vuole perseguire. Resta da capire tuttavia se e come l’opera in questione possa inserirsi in questo tracciato, atteso che gli enormi costi di realizzazione ed il conseguente mutare dell’ambiente circostante connesso alla creazione dell’invaso, conducano ad un’analisi costi-benefici del tutto opinabile”. “Mi auguro dunque che sia fatta al più presto chiarezza sulla reale portata dell’intervento che il Consorzio di Bonifica vuole realizzare, dovendosi impiegare risorse a carico della finanza pubblica ma soprattutto maggiori oneri futuri per la sua manutenzione“.
Occorre infine interrogarsi sulla sostanziale utilità di enti quali i Consorzi di Bonifica, ormai obsoleti ed ultronei, in grado di realizzare meri interventi spot di presidio delle emergenze, restando di fatto scarsamente trasparenti e partecipati, come dimostra il caso del Consorzio romagnolo alla cui ultima elezione hanno votato solo lo 0,21% degli aventi diritto” conclude il pentastellato.