Cordoglio per la scomparsa di Nino Asirelli

0

Appresa la notizia della scomparsa di Giovannino “Nino” Asirelli (conosciuto lungo la carriera come Assirelli), il sindaco di Forlì Davide Drei, l’assessore allo sport Sara Samorì e l’Amministrazione Comunale tutta partecipano al dolore dei familiari e degli amici.
Classe 1925, Nino Asirelli appartiene al rango dei grandi del ciclismo romagnolo grazie a una brillante carriera iniziata come dilettante nell’immediato dopoguerra e proseguita da professionista negli anni ’50. Corridore generoso, gregario solido e affidabile agli ordini di capitani di vaglia, a cominciare dal conterraneo Ercole Baldini che affiancò nella vittoria del Giro d’Italia del 1958, Asirelli è stato anche protagonista di brillanti piazzamenti (terzo alla “corsa rosa” nel 1953, primo al Giro di Puglia del 1955 e vincitore della tappa di Madrid della Vuelta nel 1960, anno in cui terminò l’attività di corridore), nonché di vere e proprie imprese caratterizzate da “fughe” divenute leggendarie nella storia del ciclismo. Nel ricordarne la caratura sportiva e il grande valore umano, la comunità forlivese esprime sentimenti di cordoglio e di vicinanza ai familiari, agli amici e a tutti coloro che con lui hanno condiviso impegno professionale e passione sportiva.