Marco Di Maio

Sono vicino ai lavoratori e alla comunità di Modigliana, in apprensione per il proprio futuro e quello dell’azienda. Per quanto possibile assicuro massima disponibilità e impegno a collaborare con chiunque sul piano istituzionale pur di poter contribuire alla soluzione del problema”: così il deputato forlivese del PD Marco Di Maio (nella foto) in merito alla questione degli esuberi annunciati dall’azienda Alpi di Modigliana.

Le difficoltà in cui versa l’azienda e le incertezze sulla prospettiva hanno portato i lavoratori ad indire lo stato di agitazione per mercoledì 11 (a cui il parlamentare non parteciperà per impegni a Roma legati all’attività parlamentare), dopo i diversi tentativi di raggiungere un accordo con la Regione sulla gestione condivisa della vertenza sugli esuberi. “Mi auguro si possa riaprire il tavolo delle trattative tra l’azienda, i rappresentanti dei lavoratori e la Regione al fine di trovare una soluzione condivisa – afferma Marco Di Maio – che tenga conto della situazione dell’impresa e delle necessità dei dipendenti. Il mio personale impegno ed interesse nei confronti delle aziende e dei lavoratori del territorio non verrà mai meno, nemmeno dal ruolo di opposizione all’attuale governo nazionale. Queste, come altre, sono vicende su cui non può esserci distinzione di appartenenza e colore politico”.

Sono vicino e solidale ai lavoratori della storica ditta Alpi di Modigliana che hanno annunciato una mobilitazione di 8 ore per la giornata di mercoledì 11 luglio. Nonostante gli incontri svoltisi infatti non si è ancora giunti ad un accordo tra le rappresentanze dei lavoratori e la proprietà in merito agli esuberi dichiarati dall’azienda. Credo che da parte di tutti debba essere fatto il massimo sforzo per arrivare ad una soluzione condivisa e proprio per questo auspico la presenza dell’azienda al tavolo programmato per il 12 luglio in regione” cosi’ in una nota il senatore di Liberi e Uguali Vasco Errani.

CONDIVIDI
Articolo precedentePotere al Popolo: "A Forlì i razzisti non passeranno!"
Articolo successivo"Il cinema nel fascismo: tra Forlì e Cinecittà"
Classe 1963, diploma in Ragioneria, iscritto all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti dal 1994. Appassionato di giornalismo e social network ha collaborato come giornalista pubblicista per la Gazzetta di Forlì, per la Gazzetta dello Sport, Corriere di Forlì, Forlì&Forlì e dal 2000 fino ad aprile 2013 per Il Resto del Carlino di Forlì. Da luglio 2011 è direttore di 4live.