Zanetti (LeU): “La distanza tra me e Salvini”

0
Letture: 238

«Salvatore Todaro era un comandante della Regia Marina nella seconda guerra mondiale. Affondò una nave belga, la Karbalo, e trainò, mettendo a rischio il suo sottomarino, i 26 naufraghi in un porto sicuro. Fece lo stesso con i 22 sopravvissuti dello Shakespeare, altra vittima dei suoi siluri, inglese. Venne soprannominato, per questo il Don Chisciotte del mare. Incontrò Doenitz, il comandante della marina tedesca, che si complimentò con lui per il suo coraggio, ma lo definì un incosciente per aver messo a rischio la sua nave, il sommergibile Cappellini, per salvare dei naufraghi, per giunta nemici, cosa che nessun comandante tedesco avrebbe fatto… Todaro gli rispose, semplicemente: «Un comandante tedesco non ha, come me, duemila anni di civiltà sulle spalle». Ecco, la distanza che mi separa dal neo ministro degli interni che vuole chiudere i porti a Acquarius e a chi fugge dai paesi della fame, non si misura in miglia nautiche ma in anni di civiltà. Ed è la stessa distanza che lo separa da tutti coloro che, ricordando Vittorio Arrigoni, pensano che ciò che dobbiamo fare è, semplicemente, restare umani».

Lodovico Zanetti consigliere comunale forlivese e presidente Anpi Forlì