Qualcuno con cui correre

0
Letture: 248

Qualcuno con cui correre
Autore: David Grossman.
Genere: Romanzo.
Protagonisti del romanzo sono due ragazzi di sedici anni che non si conoscono, Assaf e Tamar. Assaf è un ragazzo timido e impacciato che lavora in municipio, durante l’estate mentre i suoi genitori sono in America. Gli viene affidato l’incarico di ritrovare il proprietario di un cane recuperato dall’accalappiacani e nofiticargli una multa, inseguendo l’animale per farsi portare dal proprietario. Assaf segue il cane, che in realtà è una femmina e si chiama Dinka. Intanto dall’altra parte della città, Tamar, una ragazza solitaria e ribelle, ha escogitato un piano per salvare il fratello dalla droga prigioniero di una banda di sedicenti agenti di spettacolo. Assaf incontra nella sua corsa una monaca greca che gli chiede di cercare Tamar, la vera proprietaria del cane, perchè teme sia in pericolo. In effetti Tamar è impegnata nella ricerca del fratello ora alle dipendenze di un uomo che sfrutta i ragazzi aventi un qualsiasi talento per farli lavorare in strada e utilizzare i loro guadagni in cambio di vitto e alloggio, ma soprattutto una fornitura costante di droga, che fa sì che i ragazzi non possano andarsene dalla sua casa. Insieme i due ragazzi riescono a disintossicare il fratello dalla droga e creando tra loro un legame che va al di là della semplice amicizia. Alla fine riescono non solo nel loro intento, ma anche a fare arrestare lo spacciatore che forniva la droga al fratello.
Il romanzo è scritto in modo non semplice. Le prime pagine servono per capire qualcosa del progetto che ha Tamar. Poi le storie dei due ragazzi s’intrecciano continuamente, faticando a capire il filo, ma questo porta a volerlo leggere subito tutto per vedere cosa succede, tanto la storia è avvincente.

A chi ne consigliamo la lettura e perchè.
A tutti coloro che vogliono trovare valore nell’amicizia per scoprire che e’ bello correre con la persona giusta accanto.

Loretta Spada e Giovanna Creta

CONDIVIDI
Articolo precedenteRistrutturare il bagno: cosa scegliere per renderlo moderno
Articolo successivo"Intrigo a cena con relitto" al Ristorante E'Galet
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).