sciopero Polizia Municipale

I sindacati della Polizia Municipale hanno deciso di indire un’assemblea sindacale venerdì pomeriggio nello stesso orario dell’arrivo della tappa del Giro d’Italia Under 23 a Forlì. Una scelta che manda volutamente in tilt l’organizzazione per la viabilità. Ma perchè si è arrivati a questa situazione?
«Le condizioni nelle quali si trova l’Unione di Comuni della Romagna forlivese – si legge nel comunicato dell’RSU – sono sotto gli occhi di tutti. L’Unione di Comuni della Romagna forlivese è un’ente “bloccato”, che gestisce i servizi associati e quelli conferiti in modo insufficiente, spesso senza qualità, spendendo di più. Tutto ciò nonostante l’impegno profuso e la vera e propria “devozione” dei dipendenti che in questi 3 anni e mezzo hanno consentito all’URCF comunque di andare avanti, di continuare ad esistere, gestendo, oltre alle tradizionali attività svolte dalle Comunità ed Unioni Montane, le funzioni “trasferite” di Polizia Municipale, Informatica, Suap, Protezione Civile. Lavoratori che oggi sono stanchi, demotivati, costretti, a volte, a lavorare “non in sicurezza”. La Regione Emilia Romagna, alla fine del 2018, avrà elargito all’Unione quasi 4 milioni di euro. Quali siano gli investimenti ed il reale utilizzo ci sfugge. Di certo quasi nulla è venuto ai dipendenti, sia come risorse economiche, assunzioni, mezzi e attrezzature. Il futuro dell’Unione non potrà prescindere da:
• Un censimento delle esigenze di organico, ufficio per ufficio (chiesto da anni e mai realizzato);
• Costituzione uffici di staff per la gestione del personale, gare e acquisti, individuazione di un Direttore Generale a tempo pieno;
• Conseguente piano occupazionale che preveda assunzioni, sia negli uffici amministrativi che nella polizia municipale ove, si ricorda, sono stati stipulati accordi con la Regione Emilia Romagna che prevedevano l’assunzione di 70 unità, senza averne assunta neppure una (in particolare nella polizia municipale vi è l’assoluta necessità di assumere e di assumere “giovani”. Occorre assumere dalla graduatoria provinciale e poi bandire un nuovo concorso. A poco servono assunzioni “precarie”, a “progetto”, di agenti che poi non possono essere impiegati nel controlli utili alle città);
• Piano di mobilità all’interno dell’Unione e tra enti che costituiscono l’Unione, al fine di consentire lo spostamento volontario del personale all’interno dell’Unione e la priorità nelle mobilità tra Unione e Comuni;
• Riorganizzazione dell’ente e successivamente individuazione e copertura ruoli dirigenziali e posizioni organizzative;
• Stipula del nuovo contratto decentrato che preveda un numero di progressioni orizzontali tale da recuperare il ritardo accumulato in questi anni;
• Nuovi criteri per l’assegnazione di indennità per le particolari responsabilità;
• Individuazione di tutte le forme che possano aumentare le risorse del fondo della produttività utili a finanziare progressioni e nuove indennità contrattuali previste (si chiede a gran forza, ad esempio, di stabilire il pagamento di servizi quali le scorte per gare, servizi a manifestazioni e eventi, così come previsto dalle vigenti norme contrattuali);
• Tutela della salute dei lavoratori e sicurezza sui luoghi di lavoro;
• Trasparenza nella gestione del personale (straordinario, erogazione indennità, progetti di produttività…).
Affrontare queste sfide, raccogliere indicazioni e condividere le iniziative da intraprendere, ci porta ad indire per venerdì 8 giugno dalle ore 14,30 alle ore 16,30 l’assemblea del personale dell’Unione».
Con l’arrivo della prima tappa del Giro d’Italia Under 23 era previsto un organico di 70 vigili  impegnati nei compiti di viabilità nel percorso comprese le rimozione delle auto in divieto, ma soprattutto per la vigilanza nel passaggio dei ciclisti (50 unità da mettere nelle intersezioni), per impedire che veicoli in transito non travolgano la carovana dei ciclisti. Per questo motivo con un provvedimento di urgenza la Prefettura ha chiesto a tutte le altre forze di polizia di mettere a disposizione il proprio personale per sostituire eventuali assenze degli agenti della municipale. “Troveremo tutte le persone necessarie e non ci sarà alcun problema per la sicurezza della gara”, spiega il presidente dell’Unione dei Comuni Giorgio Frassineti.