bancarella stand

Quinta sintesi dei migliori ristoratori presenti alla 22° Festa Artusiana. Ecco gli assaggi di mercoledì 27 giugno.
Stand Coldiretti–Agriturismo e Trattoria/Fattoria Del Cervo di Premilcuore con azienda vitivinicola Giovanna Madonia al fianco. Il test sulla nota e già recensita su 4live, Trattoria Del Cervo, verte sulle tagliatelle. Arrivo e trovo il fratello intento a tirare la sfoglia, un vero “Zdoro” senza alcun timore, ed è pure bravo.
Devo anticipare sulla tagliatella in quanto un po’ stretta, forse, com’ebbi a scrivere sul pezzo pubblicato su 4Live, abituati alla montagna la cercano così (?): io no, la preferisco più larga, ‘pappardellosa’ per capirci. Assaggio buono. Voto: 8,5 Il ragù, perfetto, canonico, buonissimo, voto 10. L’assaggio del vino Giovanna Madonia: un sangiovese 2016 in purezza, 6 mesi in acciaio, a seguire 6 mesi in bottiglia e via, dopo questo anno di meditazione, va sul mercato. Il risultato: un sangiovese favoloso.

Stand Terre di Predappio. Il simpatico stand predappiese propone uno “Strozzapreti alla riduzione di Sangiovese e formaggio di grotta Predappio” (cito un articolo bertinorese di un piatto similare ridotto col nettare Fattoria Paradiso: delirio!). Il desìo è quello casereccio della Associazione sulla cittadina votata al Sangiovese migliore in zona (terre argillose) e alla nota corsa in salita “Rocca delle Caminate. Sono curioso del piatto in essere, lo dico perché riduzione di Sangiovese non è facilissimo a farsi, innanzitutto dipende cosa ci “consumi” in padella, com’anche sul goloso Formaggio di Grotta di Predappio Alta (un ricordo all’amico Nicolucci, un vignaiuolo che ha dato tanto a Predappio Alta). All’assaggio lo Strozzaprete è buonissimo al dente e ben cotto; la riduzione di (Sacro) Sangiovese c’è ma è poco “scura” segno che non si è usato molto nettare, comunque va bene. Diamo un voto, 8,5.

Stand Bertinoro–Stand Ristorante Per Bacco di Bertinoro più azienda vitivinicola Diavoletto di Bertinoro. La nota Trattoria Per Bacco in Bertinoro città, via Mazzini 65, in attivo da oltre 20 anni, la celebre Milly Pambianco. Mi propongono due assaggi:
A) Polpette cotte al forno, indi stufate ai piselli;
B) Maltagliati alle Orecchie di Lepre.
L’assaggio della polpetta: interessante, ciccia buona ben cotta e, mica poco, non unta, benino per i piselli; voto 7,5. Invece sui Maltagliati alle Orecchie di Lepre si tratta di una erba selvatica della famiglia dei Silene Alba detta anche, in Romagna, Stridoli, tutto dire. Il piatto è fatto da un trito di pancetta, pomodoro e Stridoli. All’assaggio, profumato e molto delicato; la pasta, Maltagliati, è un pochino troppo cotta. Voto 7,5. Per il vino: l’assaggio della Fattoria Diavoletto verte sulla stupenda Albana “500” già vincitrice di premi a iosa, e si parla di nuove vittorie considerando la kermesse della “Albana Day”. Buonissima questa assaggiata, vendemmia 2017.

Stand Città dei Sapori by Coop Sociale Paolo Babini e Piada 52. La nota cooperativa sociale Paolo Babini presenta Piada 52 di Forlì. 30 anni di presenza per la Babini e 4 anni per la Piada 52, sono nel Parco di Via Dragoni di Forlì. L’assaggio verte sulla comune piadina romagnola, solo che questa è fatta con una serie scelta di Grani Antichi (Gentil Rosso, Abbondanza, Rieti, Molino Panzani). Buonissima. Prosciutto crudo della azienda agricola Martini di Galeata; Squaquerone Centrale del Latte Cesena; Rucola di Mengozzi; e assaggio Sangiovese Nespoli. Ripeto gli elogi per la ottima piadina. Voto 9+.

Pierluigi Arpinati