Consegna del Lion d’Oro a Mons. Erio Castellucci

0

Si terrà martedì 5 giugno, alle ore 20,45, al Salone Comunale, in piazza Saffi 8 a Forlì, la cerimonia di consegna del Lion d’Oro a Mons. Erio Castellucci, arcivescovo della Diocesi di Modena-Nonantola e presidente della Commissione Episcopale per la dottrina della fede, la catechesi e l’annuncio. Alla manifestazione interverranno Mons. Livio Corazza vescovo della Diocesi di Forlì-Bertinoro, Davide Drei sindaco di Forlì, Maurizio Berlati governatore eletto del Distretto Lions 108 A, e Gabriele Zelli presidente del Lions Club Forlì Host.
Il Lion d’Oro è un riconoscimento istituito dal Lions Club Forlì Host a partire dall’anno sociale 1990-1991. Viene attribuito ogni due anni al forlivese che si è particolarmente distinto nell’ambito della propria attività. In precedenza è stato assegnato a: Ottavio Pompeiano, ricercatore scientifico della fisiologia del sistema nervoso professore dell’Università di Pisa, Laura Carli, attrice di cinema, teatro, radio e televisione, Marino Bartoletti, giornalista già direttore della testata giornalistica sportiva della Rai, Bruno Grandi, presidente della Federazione Italiana di Ginnastica, Silviero Sansavini, docente dell’Università di Bologna, Giulietta Simionato, soprano, Maurizio Viroli, docente di Teoria Politica Università di Princeton (USA), Vincenzo Balzani, docente di Chimica generale dell’Università di Bologna, Simona Galassi, campionessa mondiale di pugilato, Quinto Massimo Foschi, attore e doppiatore, Fabio Scozzoli, campione mondiale di nuoto, Alberto Zaccheroni, allenatore di calcio, Franco Servadei, presidente della Federazione Mondiale Società di Neurochirurgia.
Dopo la consegna del riconoscimento don Erio Castellucci interverrà su un tema di grande attualità: “I cinque anni di Papa Francesco”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteDifendiamo l’ambiente con le unghie: non si ferma
Articolo successivoAlla Fondazione Opera don Pippo va il record del panino dello sportivo più lungo di Forlì
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.