daniele vallicelli casa civica

«È già passato un anno dall’insediamento dell’amministrazione comunale della lista “Cambiamenti” e i principali problemi della nostra comunità restano irrisolti senza purtroppo prevedere nulla di buono per l’immediato futuro. Ci si limita a rincorrere le emergenze del momento, senza una vera programmazione. Si lamenta la mancanza di risorse, senza un’attenzione costante per intercettare finanziamenti.
Purtroppo abbiamo avuto modo di constatare che siamo amministrati da una giunta dove ognuno viaggia per conto suo: insomma non abbiamo una squadra che ci governa ma cinque individualità (anzi 4, dopo le dimissioni dell’assessore al turismo e senza contare il Vicesindaco “prestato” alla giunta forlivese) con tutto ciò che ne consegue.
Noi non vediamo quel massimo impegno di energie e competenze promesse all’inizio di questo mandato e crediamo ancora di più che occorra una svolta per il nostro comune che deve tornare a coinvolgere, con il coordinamento dell’amministrazione, i concittadini, le famiglie, i nostri operatori economici, le associazioni di volontariato ed economiche.
Secondo Casa Civica occorrerebbe soprattutto lavorare su alcune priorità, come il rilancio economico e turistico: basti pensare che dopo neanche un anno dall’insediamento l’assessore al turismo ha rassegnato le proprie dimissioni…anzi vorremmo sapere se e quando verrà sostituito! Per la sicurezza dei cittadini non è prevista nessuna installazione di nuove telecamere, né tantomeno esiste un progetto complessivo sull’argomento, tanto che si sono perse le tracce anche della proposta di controllo di vicinato.
Siamo preoccupati sui tempi di costruzione della nuova palestra comunale: i nostri studenti e le associazioni sportive sono privi da circa 12 mesi di una infrastruttura basilare per un comune che si voglia definire minimamente moderno, ma la politica locale non sembra reagire con la dovuta rapidità. In merito all’ingresso da via Ladino, dopo la chiusura dell’incrocio, non è accaduto più nulla. E pensare che anche gli altri ingressi dalla statale andrebbero ripensati e messi in sicurezza.
Siamo preoccupati infine per il nostro festival voci nuove, perché il silenzio dell’amministrazione non fa presagire quella valorizzazione della prima serata televisiva che ancora rappresenta un’importantissima vetrina per il territorio e la sua vocazione musicale.
Insomma siamo molto scontenti della situazione, sia come consiglieri comunali, sia come cittadini. Come consiglieri per la mancanza di considerazione e di coinvolgimento nelle principali problematiche, come cittadini perché le questioni fondamentali restano di fatto irrisolte e spesso le poche decisioni prese vengono calate dall’alto senza nessun confronto preventivo, né la minima informazione.
Potremmo continuare, ma preferiamo tentare di modificare l’inerzia delle cose con qualche suggerimento. E per prima cosa suggeriamo all’amministrazione un nuovo inizio e un bagno d’umiltà, promuovendo un giro di consultazioni con i cittadini interessati, le associazioni di volontariato, quelle economiche e, perchè no, anche con le opposizioni, per ripartire con lo slancio che finora è mancato. Noi non siamo per il “tanto peggio tanto meglio”. Sono rimasti 4 anni alla fine del mandato ed i tempi per mettere in cantiere delle cose concrete ci sono. Bisogna che i problemi della comunità vengano risolti per davvero».

I consiglieri comunali Alessandro Ferrini, Rossella Tassinari, Daniele Vallicelli di CasaCivica