jazz

Saranno Giancarlo Giannini, trombone-Michele Scucchia, tastiere-Enrico Moretti, contrabbasso-Daniele Tizzano, batteria, con l’ospite d’onore Nicoletta Noè, la giovane voce emergente del jazz italiano, ad animare la serata di venerdì 11 maggio in questo piccolo, ma originale (e di grande qualità) Jazz Festival.
Il quartetto proporrà standard e originals particolarmente arrangiati. Il tutto con l‘idea di ispirarsi alla più profonda matrice afroamericana della musica jazz.
Giancarlo Giannini si è diplomato in trombone al Conservatorio di Parma nel 1985 studiando col M.o M.Mineo. Dal 1982 al ‘90 ha fatto parte dell’Orchestra Sinfonica Rai di Milano, A. Toscanini, Maggio Musicale, Regionale Toscana, Filarmonica Marchigiana. Nell’89 vince una borsa di studio per il Berklee College of Music di Boston. Ha suonato e inciso con molte formazioni jazz italiane e straniere, in collaborazione con solisti internazionali, come Keptorchestra con J.Lovano e S.Lacy – CD Miss Etna e Sweet Sixteen; Orchestra jazz OPS di Bologna; Dada orchestra di M. Visconti Prasca con S.Hampton e J.Woode; F. d’Andrea,Eleven, CD Combinazione 1; Termoli Podium jazz ensemble; Marcello Rosa Dream bones. Dal 2003 al ‘05 ha suonato nel quintetto del sassofonista C.Atti, col quale collabora ancora occasionalmente. Dal 2000 al ‘06 e’ stato membro di “Eleven”, collettivo jazz diretto da F. D’Andrea. Nel 2003 ha partecipato al Festival Jazz di Abu Dabi (B.Durham Quintet).
Il giovanissimo Michele Scucchia è uno dei più apprezzati pianisti jazz del panorama regionale, da cinque anni è il direttore della scuola di Musica Jazz della Vecchia Stazione, che conta circa 20 iscritti, Enrico Moretti è uno dei più richiesti contrabbassisti in circolazione nell’area romagnola, mentre Daniele Tizzano è un eclettico batterista che contribuisce col suo groove a dare la carica a questo fantastico quartetto.
Il Basso Investimento, via Bufalini, è un Circolo Arci e quindi è necessario avere la tessera. Inizio concerto ore 21,30.