Le Cantantesse guerriere

0
Letture: 274

Un ricordo e un omaggio in musica alla “Leonessa” di Forlì, Caterina Sforza, una donna forte, una donna guerriera, una donna che ha imposto al suo tempo il suo essere femminile, ma anche un’occasione per avvicinare i cittadini, gli studenti, i giovani, ad una maggiore conoscenza e consapevolezza critica del ruolo delle donne nella nostra società. Ieri come oggi… E a ciò servono anche la musica e le parole proposte dalle donne, all’interno del Festival. Dopo i significativi Festival organizzati, insieme all’UDI, nel 2016, tra il 25 aprile e il primo Maggio, dall’accattivante e pregnante titolo “Le cantantesse cantano la notte, il lavoro, l’emancipazione, l’amore”, e nel 2017, con il suggestivo titolo “Le cantantesse cantano il… ’900”, nell’ambito delle celebrazioni del secolo appena trascorso, per il 2018 vogliamo organizzare il festival dal titolo “Le cantantesse guerriere”.
Con il coinvolgimento di cantanti e musiciste donne, di band formate da donne, che hanno fatto del loro canto, della loro musica, della loro vita, della loro storia personale, un elemento di emancipazione, di rottura e di lotta contro tutti gli stereotipi femminili e femministi. Questo il programma:
Venerdì 15 giugno Atse Deweodros Project. Giovedì 21 giugno Echoes. Venerdì 29 giugno Ladies Zeppelin. Venerdì 6 luglio Mumble Rumble.
Tra queste band, segnaliamo Atse Deweodros Project un progetto internazionale, ideato da Gabriella Ghermandi, dedicato alle figure femminili della storia e mitologia etiope, il progetto si intitola Maqeda ed è il nome etiope della Regina di Saba (La leggenda epica d’Etiopia narra che la Regina di Saba andò alla corte dell’Imperatore Solomone per sondarne la sapienza e proporgli una sfida sui reciproci saperi), ed è un progetto che propone un viaggio musicale che intende mettere al centro una riflessione sul femminile e le sue figure partendo dalla cultura etiope e dalle tante sue figure femminili vincenti e legittimate dalla tradizione, dall’epica e dalla storia, alla condivisione del potere con le figure maschili. Il gruppo ha inoltre composto una serie di brani, uno dedicato alla regina di Saba, uno alla regina Candace che fermò l’Impero Romano alle porte del suo regno e poi alcune canzoni legate ai rituali che hanno le donne al centro di alcune etnie etiopi.
Il gruppo è formato di 8 elementi. Info 366.1512799, Ass. Marco Polo in collaborazione con CosaScuola.