maratona-sulla-muraglia-cinese

Correre, correre e ancora correre. Ecco cos’è la maratona. Che dentro avrà anche mille storie, ma in fondo il vero segreto del successo sta tutto nella corsa: che è lo sport. Punto. Come nessun altro. Ed è diventato evento, poi, come nessun altro. In tutto il mondo raccoglie sempre più persone, sempre più racconti, sempre più entusiasmo. La fatica è star bene: la maratona è la ciliegina su una torta fatta di buone intenzioni. Quali sono quelle da non perdere? Ecco a cosa serviamo: eccovi qui le tappe da non perdere. Anzi: affrettatevi ad iscrivervi, che il tempo scorre troppo velocemente. Proprio come in una maratona.

Sulla Grande Muraglia

Maggio 2018, siete ancora in tempo. Non è la più esaltante, ma di sicuro è la più strana e particolare. Per intenderci: ci vogliono calma ed estrema resistenza. Motivo? Il clima, principalmente. È umido e afoso, e non aiutano gli oltre 5mila scalini che si dovranno salire. Uno strazio per tanti, un trionfo per chi vi riesce. Ecco, c’è una piccola tradizione a fine gara un po’ per tutti: piangere dal sollievo. Esperienza totalizzante in ogni caso.

Direzione Machu Picchu

Un giro lungo l’Inca Trail: semplicemente da fare. Lo consigliano tutti, esperti e meno esperti. Ma soprattutto: è una sfida con sé stessi, con qualcosa che sai già quanto ti possa cambiare la vita. Trasformare questo sentiero emblematico nella maratona più difficile al mondo è stata un’idea pazzesca: si va a oltre 3100 metri di altezza, e poi se ne scendono ben 3300 per arrivare nella città perduta di Machu Pichu. Il viaggio, nel mentre, è da perenne cartolina. Se avete Instagram, poi, è un affare: prenotate per giugno.

Australia, ora

Fine maggio, fate presto: c’è la Maratona della Great Ocean Road. Che non è solo 42 km da percorrere, anzi: è una delle coste più emblematiche del mondo, un percorso che unisce la bellezza del luogo e la difficoltà della gara. Ci sono due colline molto complicate da ‘scalare’ e poi lunghi rettilinei per sciogliere tutto. Ah, per i veri runners: se volete fare altri 3 km, arriverete ad Apollo Bay. Pazzesco, tutto pazzesco.

Big 5

Vi immaginiamo così: verso il Sud Africa, con il vento tra i capelli e una voglia matta di divertirvi. Su un volantino, la Two Oceans e la Comrades: corse belle, bellissime. E la Maratona dei Big Five a Limpopo è probabilmente quello che vi ci vuole: una corsa di 42 km in tutta la savana africana. Non c’è recinzione, non c’è barriera: dovete farvi largo tra tutto quello che troverete. Big Five compresi: leone, leopardo, bisonte, rinoceronte, elefante. Sfidiamo tutti a non innamorarsi di quei luoghi. Ma soprattutto vi sfidiamo a farlo davvero.

Jungrau Marathon

Settembre, ergo: c’è tempo per organizzarsi. Perché qui serve assolutamente un attimo di raccoglimento di pensieri. C’è una maratona che è una corsa verso la cima, i corridori salgono di oltre 2100 metri sul livello del mare in cima alle catene montuose della Svizzera. L’inizio? Corsa in piano, 10 km, lago Brienz. Poi si sale: e si sale soltanto, senza allentare. Ci sono da superare Eiger e Jungrafu. In bocca al lupo.