Cusercoli

Sabato 26 maggio alle ore 15,30 alla Rocca dei Conti Guidi di Cusercoli Chiesa di San Bonifacio ”Cavalleria e Ordini Cavallereschi”.
Il cavaliere antico, eroe senza macchia, che difende un ideale, si pone al servizio di vedove, orfani, vecchi e della fede. Un’idea tramontata, forse anacronistica già nei tempi d’oro della cavalleria, che si ridusse al mestiere delle armi. Il cavaliere nella modernità, premio al cittadino che si è distinto nel servizio dello Stato, al servizio dei propri concittadini con quello spirito altruista che ha caratterizzato e che caratterizza anche il presente“.
Alle ore 15,30 Claudio Milandri sindaco di Civitella di Romagna “Introduzione alla conversazione e saluto di benvenuto”.
Alle 15,40-16,10 Rodingo degli Usberti, la cavalleria dalle sue origini ad oggi, gli ordini cavallereschi degli Stati Pre-unitari, del Regno d’Italia e gli ordini Pontifici.
Alle 16,10-16,40 Gabriele Zelli, Gli Ordini della Repubblica Italiana, il cavaliere oggi in uno stato repubblicano.
Alle 16,40 Coffe Break. Alle 16,50-17,20 Emilio Nanni – Il Sovrano Militare Ordine di Malta: “Mille anni di modernità al servizio dei bisognosi”.
Alle 17,20-17,50 “da Bisanzio a Napoli passando per Parma, l’Ordine Angelico Imperiale Costantiniano di San Giorgio”. Alle 18,00 conclusioni.
Parlare di cavalieri e di cavalleria tra le possenti mura delle Rocche feudali è una scelta quasi spontanea, poiché tra queste mura parte della cavalleria ha svolto le proprie funzioni sia militari che sociali. Cosa sia rimasto oggi dell’antico spirito cavalleresco, è difficile dirlo una cosa è certa che degli antichi ordini cavallereschi sono ancora oggi presenti con il loro retaggio di cultura e di forza sociale. Passano i secoli, le Repubbliche sostituiscono i Regni, ma ancora oggi il cavaliere rappresenta un titolo onorifico a volte ambito“.
Coordinerà l’incontro il giornalista Oscar Bandini. Ingresso libero.