Il mondo non profit è cambiato negli ultimi 15 anni ed è destinato ad ulteriori mutamenti, legati alla recente riforma del terzo settore, alle novità contenute nella Legge di Bilancio 2018 ma anche a nuove prospettive presenti sul mercato.
Basti pensare ai recenti campi di azione, come la produzione di valore sociale e le società che iniziano a operare in settori del welfare aziendale, per capire come il vecchio modello, basato sulle attività religiose e filantropiche, si sia evoluto.
Per aiutare le associazioni – 2.700 solo nella nostra provincia – del nostro territorio a comprendere lo scenario del prossimo futuro e orientarle nelle loro scelte, CNA Colline forlivesi ha organizzato un apposito incontro che si terrà giovedì 24 maggio, alle ore 20,30 al Centro Culturale S. Pertini di Santa Sofia.
I lavori saranno aperti dai saluti del sindaco Daniele Valbonesi e del presidente di CNA Colline forlivesi Mauro Turchi e vedranno in veste di relatori, Luca Feliciotto, esperto CNA per il Non Profit e Andrea Romboli, amministratore unico di Bsocial.
Il terzo settore – afferma Mauro Turchi presidente di CNA Colline forlivesi – è ormai diventato una componente importante del tessuto economico. Lo dimostrano i dati dell’Istat, che lo rappresentano come un comparto che risponde ai bisogni emergenti delle comunità e che anche nel periodo della lunga depressione ha saputo creare posti di lavoro. Ormai la logica volontaristica di 30 anni fa è stata completamente sostituita da quella imprenditoriale e anche per questo CNA è pronta per rispondere alle necessità di queste organizzazioni”.
Il non profit – sostiene Daniele Valbonesi sindaco di S. Sofia – è un mondo sempre più importante per i nostri territori. Una rete di persone che spazia dalla cultura, allo sport, al sociale, che è protagonista in particolare nelle piccole realtà. Per questo ringrazio CNA di mettere a disposizione le proprie competenze al fine di comprendere meglio quello che a livello normativo sta cambiando”.
La partecipazione all’incontro è particolarmente consigliata alle associazioni culturali, sportive e di promozione sociale.