Tutti i soldi del mondo

Titolo: Tutti i soldi del mondo. Genere drammatico. Thriller del 2017, diretto da Ridley Scott, con Michelle Williams e Mark Wahlberg. Durata 132 minuti. Regista: Ridley Scott.

Trama: il film racconta un famoso fatto di cronaca realmente accaduto negli anni ’70. Il rapimento avvenuto a Roma da parte della mafia calabrese di Paul Getty III, sedicenne nipote dell’uomo allora più ricco e potente del mondo. L’obiettivo è ottenere un grosso riscatto dal nonno del ragazzo, che invece lascia tutti meravigliati quando annuncia di rifiutarsi categoricamente di pagare la somma richiesta per non creare un precedente; anche se questo potrebbe significare la morte del ragazzo. La madre, ed ex nuora del vecchio, dopo aver tentato di fargli cambiare idea, inizia la sua lotta contro il tempo alla ricerca dei soldi per salvare il figlio dalla morte, aiutata da un ex agente segreto al servizio dell’anziano miliardario. Questi ad un certo punto durante una vivace discussione gli rinfaccia la sua avidità e la sua miseria spirituale, nonostante i soldi. Il vecchio entra talmente in crisi da morire per attacco cardiaco, solo con in mano una delle cose più preziose da lui posseduta; un quadro di grande valore raffigurante la maternità.

Valutazione: ottima, 4/5 stelline.

Commento: film molto ben fatto con attori bravissimi: il regista tratta il tema di quanto può valere la vita di un uomo per la sua famiglia in maniera avvincente e profonda. E quale scala di valori possa avere una persona nella sua vita, di quanto il danaro possa diventare l’unica cosa davvero importante anche più della vita di una persona cara. La madre alla fine è l’unica vincitrice morale della storia. È una donna che non si compra e non si vende e sfida il vecchio miliardario riuscendo a farsi dare i soldi per liberare suo figlio.

A chi ne consigliamo la visione e perchè: a tutti come riflessione morale sul rapporto tra i soldi e il legame di sangue/famigliare e di come l’uomo possa essere subordinato al valore/disvalore dei soldi.

Loretta Spada

CONDIVIDI
Articolo precedenteOsteria alle Due Porte di Bologna
Articolo successivoPolpette di vitello

La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all’esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti.
Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell’argomento, degli interessi o del destinatario dell’informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto.
Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l’individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l’ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia.
L’idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all’esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare.
Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all’albo).