arresto dei carabinieri

I carabinieri di Forlì hanno arrestato, in flagranza di reato, due minorenni autori di furti in vari condomini del Forlivese. I giovani finiti in manette sono un tunisino e un italiano, responsabili di furto in abitazione avvenuto in orario notturno. Gli inquirenti poi hanno anche deferito (in stato di libertà) un altro minorenne e un maggiorenne di nazionalità marocchina che erano insieme ai due arrestati ma ai quali è stata imputata l’accusa di ricettazione in concorso.
L’arresto è avvenuto grazie ad una segnalazione avvenuta dopo la mezzanotte di un forlivese che ha notato la presenza dei quattro giovani che si aggiravano con fare sospetto vicino ad alcuni condomini nei pressi di via Roma. Le due pattuglie giunte sul posto hanno individuato i sospettati trovati in possesso di tre biciclette rubate poco prima proprio dai garage di due condomini. Mentre i militari stavano effettuando quel controllo altri due giovani hanno scavacato la recinzione di un condominio tentando la fuga e sono stati immediatamente arrestati in flagranza di reato. I due minorenni, a seguito di perquisizione, venivano trovati in possesso di due carte bancomat rubate poco prima da un’autovettura parcheggiata in un garage privato.
I due giovani, dopo essere stati condotti in questura per tutti i procedimenti di legge, sono stati affidati ai genitori in attesa dell’udienza di convalida del giudice per le indagini preliminari del tribunale per i minorenni di Bologna. Gli altri due (il maggiorenne e il minorenne), trovati in possesso delle biciclette sono stati denunciati a piede libero per ricettazione.
Il giudice per le indagini preliminari ha poi emesso a carico di un arrestato la misura di collocamento in comunità mentre per il secondo l’applicazione della misura cautelare della permanenza notturna all’interno della propria abitazione.