Reato di lettura

Titolo: L’ombra e la grazia. Autrice Simone Weil.
Trama: Il libro è una raccolta di pensieri, meditazioni e riflessioni estratti dai diari intimi che Simone Weil tenne tra il 1940/1942.
Commento: È un libro di non facile lettura, va riflettuto attentamente, poiché vive in ogni pensiero un profondo senso universale illuminato da una luce che trae origine dall’assoluto, dalla certezza che solo l’amore di Dio è libero, vero e naturale. L’autrice che insegnava filosofia vive il suo avvicinarsi alla fede cristiana attraverso il distacco dal mondo materiale, la fatica ed il sacrificio. Sono riflessioni su vari argomenti, alcuni dei quali riguardanti i massimi sistemi; i soli che alla fine contano e cioè l’amore di Dio, la sofferenza, il significato della rinuncia. È un libro che ci solleva al di sopra di noi stessi e che infonde la speranza e l’orgoglio di essere creati a immagine di Dio.
Valutazione: discreta ¾ stelline
A chi ne consigliamo la lettura e perchè: A tutti coloro che vogliono fare silenzio dentro se stessi e amare Dio anche attraverso il dolore, per scoprire la sua misericordia.
Note sull’autrice: Simone Weil è figlia di un medico parigino (Parigi 3 febbraio 1909 – Ashford 24 agosto 1943) e sorella del matematico André Weil, studia in diversi licei parigini, nel 1931 supera l’esame di concorso per l’insegnamento nella scuola media superiore. Filosofa, scrittrice e attivista partigiana si lascia morire di stenti il 24 agosto 1943.

Loretta Spada

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl Governatore Bonaccini: "Abbiamo fatto bene a chiedere a Enac un nuovo bando per il Ridolfi"
Articolo successivoTagliolini freschi al ragù di totani
La comunicazione si conferma essere una funzione fondamentale nella vita di ogni essere umano e si può esprimere in diversi modi e forme di linguaggio. Un vettore di informazioni e comunicazioni è senza dubbio il web, con opportunità quali i blog o le pagine facebook in cui ognuno di noi può esporsi ed esporre all'esterno pensieri, opinioni o semplicemente commentare fatti avvenuti. Una RedAzione può aiutare a sviluppare o più semplicemente dare spazio a capacità e abilità di scrittura o fotografiche. Le modalità espressive varieranno in funzione dell'argomento, degli interessi o del destinatario dell'informazione, potranno essere: articoli, fumetti, vignette, critiche, interviste, video, foto e tutto quello che verrà in mente e che di volta in volta si riterrà più adatto. Il momento redazionale e di programmazione della redazione diventa uno dei modi con cui i ragazzi possono, oltre che ordinare e attribuire senso alle proprie esperienze, anche percepire attraverso relazioni sociali un possibile rapporto con gli altri, a sottolineare come l'individuo non dipenda solo dai propri sistemi di significato, ma anche dal suo rapporto con l'ambiente e con le persone con cui la sua vita si incrocia. L'idea è anche quella di far passare un messaggio chiaro all'esterno, la disabilità non parla solo di disabilità ma può aprirsi ed esprimersi su qualsiasi cosa faccia parte della vita: musica, sport e spettacolo sono solo alcuni degli argomenti che vorremmo trattare. Tutto questo avverrà in collaborazione con 4live, blog di informazione locale, gestito da Tommaso Di Lauro (giornalista iscritto all'albo).