bullismo

Le cronache degli ultime settimane hanno registrato gravi episodi commessi da giovani bulli all’interno di alcune scuole, aggravati dal fatto che le immagini delle loro bravate, prontamente messe in rete, hanno raccolto visualizzazioni da far invidia ai migliori professionisti della produzione di filmati. Autorevoli esperti hanno evidenziato come oggi la scuola sia rimasto l’unico e ultimo grande contenitore di tutte le problematiche adolescenziali e giovanili. Prima esistevano i cortili, le piazze, le strade, gli oratori. Ora i ragazzi sempre più si ritrovano fisicamente, in gruppo, soltanto a scuola, a meno che non partecipino ad attività collettive dopo la scuola come quelle sportive, o aggregative di carattere sociale, ancora capaci di attirare il loro interesse.
In genere però soltanto a scuola confluiscono tutti i conflitti dell’adolescenza con le conseguenze a cui stiamo assistendo da tempo, aggravate dal fatto che i ragazzi sono vittime del diffondersi delle tecnologie che annulla la capacità di creare rapporti reali tra le persone ed esalta l’individualismo.
Per affrontare questa preoccupante situazione è necessario un impegno da parte di tutti, non solo del mondo della scuola. È per questo che il Lions Club Forlì Host, proseguendo un’attività già avviata in passato, organizza per venerdì 27 aprile, alle ore 17,30, nei locali del plesso scolastico “Pietro Zangheri” in via Ribolle 47 a Forlì, un incontro aperto a tutti i docenti delle scuole medie, così come ai genitori, su: “Responsabilità di fronte alla legge dei genitori e del minore per suoi comportamenti aggressivi e violenti tenuti in ambito scolastico: obblighi di vigilanza e di intervento in carico ai docenti per quanto accade all’interno delle scuole”. A relazionare sull’argomento sarà Urico Baldari, Soprintendente della Polizia di Stato, docente in numerosi corsi di informatica forense ed esperto di “investigazioni e computer forensics”. L’iniziativa, promossa in collaborazione con i dirigenti degli Istituti Comprensivi cittadini, sarà coordinata da Claudio Sirri consigliere del Lions Club Forlì Host.

CONDIVIDI
Articolo precedente"I mercoledì della salute e della prevenzione" VI edizione
Articolo successivoBiserna (FpB): "Finalmente parte il terzo lotto della tangenziale di Forlì"
Ex sindaco di Dovadola, classe 1953, dal 1978 al 1985 dipendente del Comune di Dovadola. Come volontario in ambito culturale è stato dal 1979 al 1985 responsabile della programmazione del Cinema Saffi e dell'Arena Eliseo di Forlì e dal 1981 al 1985. Coordinatore del Centro Cinema e Fotografia del Comune di Forlì. Nel giugno 1985 eletto Consigliere comunale e nell'ottobre 1985 nominato Assessore comunale di Forlì con deleghe alla cultura e allo sport. Da quell'anno ha ricoperto per 24 anni consecutivi il ruolo di amministratore dello stesso Comune assolvendo per tre mandati le funzioni di Assessore e per due a quella di Presidente del Consiglio comunale. Dirigente e socio di associazioni culturali, sociali e sportive presenti in città e nel comprensorio. Promotore di iniziative a scopo benefico. E' impegnato a valorizzare il patrimonio culturale, storico e artistico di Forlì e della Romagna. A tale scopo dal 1995 ha organizzato una media di oltre 80 appuntamenti annuali, promuovendo anche interventi di recupero del patrimonio architettonico di alcuni edifici importanti o delle loro parti di pregio. Autore di saggi e volumi, collabora con settimanali, riviste locali e romagnole. Dirigente dal 1998 di Legacoop di Forlì-Cesena in qualità di Responsabile del Settore Servizi. Nel 1997 è stato insignito dell'onorificenza di Cavaliere Ufficiale al Merito della Repubblica Italiana.